Roche Oncologia
Oncologia Morabito
Cortinovis SCLC 2021
Tumore prostata

Carcinoma mammario in fase iniziale: gli inibitori dell'aromatasi avvantaggiano le donne in premenopausa sottoposte a soppressione ovarica


Da uno studio è emerso che gli inibitori dell'aromatasi possono ridurre la recidiva del cancro alla mammella rispetto al Tamoxifene per alcune donne in premenopausa con malattia neoplastica.
Questo beneficio è stato osservato nelle donne sottoposte a soppressione ovarica per la malattia in fase iniziale positiva per ER ( recettore dell'estrogeno; ER+ ).

Il Tamoxifene riduce di un terzo il tasso di mortalità per tumore alla mammella a 15 anni nella malattia ER-positiva.
Gli inibitori dell'aromatasi sono ancora più efficaci del Tamoxifene per le donne in postmenopausa, ma sono inefficaci per le donne in premenopausa.
Tuttavia, gli inibitori dell'aromatasi possono giovare alle donne in premenopausa se sottoposte a soppressione ovarica.

E' stata condotta una meta-analisi dei dati di quattro studi randomizzati ( ABCSG 12, TEXT, SOFT e HOBOE ), che hanno riguardato 7.030 donne in premenopausa con carcinoma mammario in fase iniziale ER-positivo.
Tutte le donne avevano ricevuto soppressione ovarica e il 40% delle donne aveva una malattia con linfonodi positivi.
I ricercatori hanno assegnato casualmente le donne a un inibitore dell'aromatasi o al Tamoxifene.

La recidiva del cancro al seno e la mortalità per causa sono servite come esiti primari.

Il follow-up mediano per tutti e quattro gli studi è stato di 8 anni.

I risultati hanno mostrato un rischio ridotto di recidiva tra le donne trattate con inibitori dell'aromatasi rispetto al Tamoxifene ( 14.7% vs 17.5% ).
L'inibitore dell'aromatasi combinato con la soppressione ovarica ha ridotto il rischio di recidiva del tumore al seno del 21%.

Il principale vantaggio degli inibitori dell'aromatasi sulla recidiva è stato osservato all'anno 4 di trattamento, il periodo in cui i trattamenti differivano.
Non ci sono stati ulteriori benefici o una perdita di benefici durante gli anni da 5 a 9 di trattamento; il follow-up era scarso oltre l'anno 10.

Una riduzione significativa del tasso di recidiva a distanza con gli inibitori dell'aromatasi ( rapporto tra tassi = 0.83; IC 95%, 0.71-0.97 ).

Non è stata riscontrata una differenza nei tassi di mortalità tra i gruppi di trattamento, ma si è osservata una tendenza verso un minor numero di decessi per cancro alla mammella dal basale all'anno 4 con Tamoxifene, quindi un minor numero di decessi per cancro al seno negli anni da 5 a 9 con inibitori dell'aromatasi.
Questo dimostra l'importanza del follow-up a lungo termine in questi studi per valutare appieno gli effetti della mortalità per cancro alla mammella.

I risultati delle analisi dei sottogruppi per qualsiasi recidiva hanno mostrato che la riduzione proporzionale delle recidive non variava in base all'età, all'indice di massa corporea ( BMI ), alle dimensioni o al grado del tumore, al sottotipo istologico o alla presenza o assenza di chemioterapia.

Abbiamo osservato una tendenza inaspettata verso una diminuzione dell'efficacia con l'aumento del coinvolgimento linfonodale con gli inibitori dell'aromatasi, senza alcun beneficio degli inibitori dell'aromatasi tra quelli con malattia N4-positiva.
L'uso di inibitori dell'aromatasi, piuttosto del Tamoxifene, nelle donne in premenopausa che ricevono soppressione ovarica ha ridotto il rischio di cancro alla mammella e ha ridotto il rischio di recidiva a distanza, ma non vi è stato alcun effetto sulla mortalità per cancro mamamrio o sulla sopravvivenza globale. È necessario un follow-up più lungo. ( Xagena2021 )

Fonte: San Antonio Breast Cancer Symposium, 2021

Gyne2021 Onco2021 Farma2021


Indietro