Roche Oncologia
Lung Unit
BMS
Novartis

Cemiplimab prolunga la sopravvivenza globale nel carcinoma al polmone non-a-piccole cellule con elevata espressione di PD-L1


La monoterapia con Cemiplimab ( Libtayo ), un anticorpo monoclonale completamente umano che ha come target PD-1, ha esteso la sopravvivenza globale ( OS ) rispetto alla chemioterapia con doppietta a base di Platino di prima linea in alcuni pazienti con carcinoma polmonare non-a-piccole cellule ( NSCLC ) in fase avanzata.

I risultati dello studio randomizzato di fase 3 EMPOWER-Lung 1, che ha incluso i pazienti i cui tumori avevano una espressione di PD-L1 del 50% o superiore, hanno mostrato che Cemiplimab ha ridotto il rischio di morte di oltre il 30%.

La monoterapia con Cemiplimab ha esteso la sopravvivenza globale rispetto alla chemioterapia di prima linea con la doppietta a base di Platino per alcuni pazienti con carcinoma al polmone non-a-piccole cellule in fase avanzata.

Lo studio multicentrico, in aperto, EMPOWER-Lung 1 ha confrontato Cemiplimab con la chemioterapia con doppietta di Platino come terapia di prima linea per i pazienti con cancro al polmone non-a-piccole cellule localmente avanzato o metastatico con espressione di PD-L1 in almeno il 50% delle cellule tumorali.

Lo studio ha incluso 710 adulti con tumore NSCLC in stadio IIIB o IIIC ( tutti non-candidati alla resezione chirurgica o alla chemioradioterapia definitiva o che avevano progredito dopo chemioradioterapia ) o con tumore NSCLC allo stadio IV non-trattato in precedenza.
Il 12% dei pazienti aveva metastasi cerebrali pretrattate e stabili.
I criteri di idoneità hanno consentito di arruolare anche pazienti con istologia squamosa o non-squamosa, nonché quelli con epatite B, epatite C o infezione da HIV controllata.

I pazienti sono stati assegnati in modo casuale, in un rapporto 1:1, a Cemiplimab alla dose di 350 mg per via endovenosa ogni 3 settimane per un massimo di 108 settimane ( n = 356 ) o alla chemioterapia standard a base di Platino scelta dal ricercatore per 4-6 cicli, con o senza Pemetrexed di mantenimento ( n = 354 ).

Dopo la progressione della malattia, i pazienti assegnati alla chemioterapia potevano passare a Cemiplimab e quelli assegnati a Cemiplimab hanno avuto l'opportunità di continuare il trattamento con l'anticorpo in combinazione con quattro cicli di chemioterapia.

I gruppi di trattamento erano ben bilanciati riguardo a età mediana ( 63 anni per Cemiplimab versus 64 anni per la chemioterapia ), sesso ( uomini, 87.6% vs 83.1% ), regione di arruolamento ( Europa, 77.2% vs 78.5% ), performance status ECOG ( 0, 27% vs 27.1%; 1, 73% vs 72.9% ), istologia ( non-squamosa, 55.3% vs 57.1% ) e presenza di metastasi cerebrali ( 12.4% vs 11% ).

La sopravvivenza globale e la sopravvivenza senza progressione, valutate da un Comitato di revisione indipendente in cieco, erano gli endpoint primari.
Gli endpoint secondari includevano il tasso di risposta globale ( ORR ), la durata della risposta ( DoR ) e la qualità di vita.

Il Comitato di revisione indipendente ha eseguito un'analisi ad interim prevista dal protocollo dopo che si era verificato il 50% degli eventi di sopravvivenza globale.

Il follow-up mediano nella popolazione intent-to-treat ( ITT ) è stato di 13.1 mesi.

E' stata osservata una sopravvivenza PFS significativamente prolungata nel gruppo Cemiplimab ( 6.2 mesi versus 5.6; HR = 0.59; IC 95%, 0.49-0.72 ) e sopravvivenza OS ( 22.1 mesi versus 14.3; HR = 0.68; IC 95%, 0.53-0.87 ) nella popolazione ITT.

Sono stati anche analizzati i risultati tra i 563 pazienti ( Cemiplimab, n = 283; chemioterapia, n = 280 ) nella popolazione ITT con almeno il 50% di espressione di PD-L1 come determinato dal test PD-L1 IHC 223C pharmDx.

Il follow-up mediano per questo gruppo è stato di 10.8 mesi.
I risultati hanno mostrato che Cemiplimab ha esteso in modo significativo la sopravvivenza PFS mediana ( 8.2 mesi vs 5.7; HR = 0.54; IC 95%, 0.43-0.68 ) e la sopravvivenza OS mediana ( non-raggiunta versus 14.2 mesi; HR = 0.57; IC 95%, 0.42-0.77 ).

I risultati della popolazione ITT hanno favorito Cemiplimab riguardo al tasso di risposta ( 36.5% vs 20.6%; P inferiore a 0.0001 ) e alla durata mediana della risposta ( 21 mesi vs 6 ).

Cemiplimab è apparso ben tollerato nonostante l'esposizione alla terapia sperimentale notevolmente più lunga rispetto alla chemioterapia ( mediana, 27.3 settimane vs 17.7 settimane ).
Non sono stati riscontrati nuovi segnali di sicurezza.

Una più alta percentuale di pazienti trattati con la chemioterapia ha manifestato eventi avversi correlati al trattamento ( qualsiasi grado, 88.6% vs 57.5%; grado 3 o superiore, 39.2% vs 14.1% ).
Tuttavia, una percentuale più alta di pazienti assegnati a Cemiplimab ha manifestato eventi avversi correlati al trattamento che hanno portato all'interruzione del trattamento ( qualsiasi grado, 5.1% vs 3.5%; grado 3 o superiore, 2.5% vs 2.3% ) o al decesso ( qualsiasi grado, 2.5 % vs 2%; grado 3 o superiore, 2.5% vs 2% ).
Gli eventi avversi più comuni riportati tra i pazienti assegnati a Cemiplimab includevano anemia ( 14.6% per Cemiplimab vs 94.2% per chemioterapia ), diminuzione dell'appetito ( 11.8% vs 18.4% ), affaticamento ( 10.1% vs 17% ), polmonite ( 9.3% vs 10.8% ), costipazione ( 7.6% vs 15.2% ) e nausea ( 6.2% vs 28.4% ).
Gli eventi avversi di grado 3 o superiore più comuni segnalati tra i pazienti assegnati a Cemiplimab includevano polmonite ( 4.8% per Cemiplimab vs 5.6% per chemioterapia ) e anemia ( 3.4% vs 16.4% ). ( Xagena2020 )

Fonte: European Society for Medical Oncology ( ESMO ) Virtual Congress, 2020

Pneumo2020 Onco2020 Farma2020


Indietro