Bayer Banner
Natera Banner
Gilead Banner
Tumore prostata

Chemioterapia adiuvante basata su Fluorouracile dopo chemioradioterapia pre-operatoria nel carcinoma del retto


Lo studio EORTC 22921 ha valutato l’aggiunta pre-operatoria o post-operatoria di chemioterapia alla radioterapia pre-operatoria in pazienti con carcinoma rettale.

Dopo un follow-up mediano di 5 anni, la chemioterapia, indipendentemente dalle tempistiche, ha migliorato significativamente il controllo locale.

La chemioterapia adiuvante non ha migliorato la sopravvivenza, ma le curve di Kaplan-Meier hanno mostrato divergenza, suggerendo un possibile beneficio ritardato.

Sono stati di seguito riportati i risultati aggiornati nel lungo periodo.

Nello studio pazienti con carcinoma rettale resecabile di stadio clinico T3 o T4 sono stati assegnati in maniera casuale a ricevere radioterapia pre-operatoria con o senza chemioterapia concomitante prima della chirurgia seguita da chemioterapia adiuvante o da sorveglianza.

La randomizzazione è stata effettuata utilizzando la minimizzazione con fattori legati a istituzione, sesso, stadio T e distanza tra tumore e apertura anale.

Coordinatori dello studio, clinici e pazienti erano a conoscenza del gruppo di assegnazione.

La radioterapia era costituita da 45 Gy alla pelvi posteriore in 25 frazioni di 1.8 Gy in un periodo di 5 settimane.

Ciascun ciclo di chemioterapia era costituito da Fluorouracile ( 350 mg/m2 al giorno con bolo intravenoso ) e Acido Folinico ( Leucovorina; 20 mg/m2 al giorno con bolo intravenoso ).

Per la chemioterapia pre-operatoria, sono stati somministrati 2 cicli ( durante le settimane 1 e 5 di radioterapia ).
La chemioterapia adiuvante è stata somministrata in 4 cicli, ogni 3 settimane.

L’endpoint primario era la sopravvivenza generale, e le analisi sono state condotte per intention-to-treat.

Nel periodo 1993-2003, 1011 pazienti sono stati assegnati in maniera casuale al trattamento ( 252 a radioterapia pre-operatoria e 253 a ciascuno degli altri 3 gruppi ).

Dopo un follow-up mediano di 10.4 anni, la sopravvivenza generale a 10 anni è stata pari a 49.4% per il gruppo radioterapia pre-operatoria e 50.7% per il gruppo radioterapia pre-operatoria e chemioterapia ( hazard ratio, HR=0.99; p=0.91 ).

La sopravvivenza generale a 10 anni è stata pari a 51.8% per il gruppo chemioterapia adiuvante e a 48.4% per il gruppo sorveglianza ( HR=0.91, p=0.32 ).

La sopravvivenza libera da malattia a 10 anni è stata pari a 44.2% per il gruppo radioterapia pre-operatoria e a 46.4% per quello radioterapia pre-operatoria e chemioterapia ( HR=0.93; p=0.38 ).

La sopravvivenza libera da malattia a 10 anni è stata pari a 47.0% per il gruppo chemioterapia adiuvante e a 43.7% per il gruppo sorveglianza ( HR=0.91, p=0.29 ).

A 10 anni, l’incidenza cumulativa di recidiva locale è stata pari a 22.4% con la sola radioterapia, 11.8% radioterapia neoadiuvante e chemioterapia, 14.5% con radioterapia e chemioterapia adiuvante e 11.7% sia con chemioterapia adiuvante sia neoadiuvante ( p=0.0017 ).

Non sono emerse differenze nella incidenza cumulativa di metastasi distanti ( p=0.52 ).

La frequenza di effetti collaterali a lungo termine non hanno mostrato differenze tra i 4 gruppi ( p=0.22 ).

In conclusione, la chemioterapia basata su Fluorouracile dopo radioterapia pre-operatoria ( con o senza chemioterapia ) non influenza la sopravvivenza libera da malattia o la sopravvivenza generale.
Questo studio non è a supporto dell’attuale pratica di chemioterapia adiuvante dopo radioterapia pre-operatoria con o senza chemioterapia.
Servono nuove strategie di trattamento che incorporino la chemioterapia neoadiuvante. ( Xagena2014 )

Bosset JF et al, Lancet Oncol 2014; 15: 184-190

Onco2014 Gastro2014 Farma2014


Indietro