Lung Unit
Novartis
BMS
XagenaNewsletter

Chemioterapia adiuvante con o senza Bevacizumab in pazienti con cancro al polmone non-a-piccole cellule resecato


La chemioterapia adiuvante per il cancro polmonare non-a-piccole cellule ( NSCLC ) in stadio precoce, resecato, fornisce un modesto beneficio in termini di sopravvivenza.
Bevacizumab ( Avastin ), un anticorpo monoclonale diretto contro VEGF ( fattore di crescita dell'endotelio vascolare ), migliora i risultati se è aggiunto alla chemioterapia a base di Platino nel tumore NSCLC non-squamoso in stadio avanzato.
È stata valutata l'aggiunta di Bevacizumab alla chemioterapia adiuvante nel tumore NSCLC in stadio iniziale resecato.

È stato condotto uno studio clinico in aperto, randomizzato, di fase 3 su pazienti adulti di età a partire da 18 anni con ECOG performance status stato di 0 o 1 e che avevano tumore NSCLC completamente resecato in stadio IB ( 4 cm o superiore ) fino a IIIA ( definito dall'American Joint Committee on Cancer [ AJCC ], sesta edizione).

Sono stati arruolati pazienti provenienti dallo US National Clinical Trials Network, compresi i pazienti dall’Eastern Cooperative Oncology Group - American College of Radiology Imaging Network ( ECOG-ACRIN ) in Europa e del Canadian Cancer Trials Group, entro 6-12 settimane dall'intervento chirurgico.

Il regime chemioterapico per ciascun paziente è stato selezionato prima della randomizzazione e somministrato per via endovenosa; consisteva di quattro cicli di 21 giorni di Cisplatino ( 75 mg/m2 al giorno 1 in tutti i regimi ) in combinazione con a scelta Vinorelbina ( 30 mg/m2 nei giorni 1 e 8 ), Docetaxel ( 75 mg/m2 al giorno 1 ), Gemcitabina ( 1.200 mg/m2 nei giorni 1 e 8 ), o Pemetrexed ( 500 mg/m2 il giorno 1 ).

I pazienti nel gruppo Bevacizumab hanno ricevuto Bevacizumab 15 mg/kg per via endovenosa ogni 21 giorni iniziando con il ciclo 1 della chemioterapia e proseguendo per 1 anno.
I pazienti sono stati assegnati casualmente al gruppo A ( chemioterapia da sola ) o al gruppo B ( chemioterapia più Bevacizumab ), stratificando per regime chemioterapico, stadio della malattia, istologia e sesso.

L'endpoint primario era la sopravvivenza globale.

Tra il 2007 e il 2013, 1.501 pazienti sono stati arruolati e assegnati in modo casuale ai due gruppi di trattamento: 749 al gruppo A ( chemioterapia da sola ) e 752 al gruppo B ( chemioterapia più Bevacizumab ).

383 su 1.458 pazienti ( 26% ) ( con informazioni complete sulla stadiazione ) presentavano lo stadio IB, 636 ( 44% ) lo stadio II e 439 ( 30% ) avevano la malattia in stadio IIIA ( mancavano dati sullo stato della malattia per 43 pazienti ).

L'istologia a cellule squamose è stata riportata per 422 su 1501 pazienti ( 28% ).

Sono stati utilizzati tutti e quattro i regimi di chemioterapia a base di Cisplatino: 377 pazienti ( 25% ) hanno ricevuto Vinorelbina, 343 ( 23% ) hanno ricevuto Docetaxel, 283 ( 19% ) hanno ricevuto Gemcitabina e 497 ( 33% ) hanno ricevuto Pemetrexed.

A un follow-up mediano di 50.3 mesi, la sopravvivenza globale mediana stimata nel gruppo A non è stata raggiunta, e nel gruppo B è stata di 85.8 mesi; hazard ratio ( gruppo B vs gruppo A ) 0.99 ( P=0.90 ).

Le tossicità di grado 3-5 ( tutte le attribuzioni ) che sono state riportate più frequentemente nel gruppo B ( gruppo Bevacizumab ) rispetto al gruppo A ( chemioterapia da sola ) sono state nel complesso di grado peggiore ( tutte tossicità di grado 3-5; 496 su 738, 67%, nel gruppo A vs 610 su 735, 83%, nel gruppo B ), ipertensione ( 60, 8%, vs 219, 30% ) e neutropenia ( 241, 33%, vs 275, 37% ).

Il numero di decessi per trattamento non differiva tra i gruppi ( 15 morti nel gruppo A vs 19 nel gruppo B ).
Di questi decessi, 3 nel gruppo A e 10 nel gruppo B sono stati considerati almeno possibilmente correlati al trattamento.

L'aggiunta di Bevacizumab alla chemioterapia adiuvante non ha migliorato la sopravvivenza globale per i pazienti con tumore al polmone non-a-piccole cellule in stadio precoce chirurgicamente resecato.
Bevacizumab non ha un ruolo in questa impostazione e non deve essere considerato una terapia adiuvante per i pazienti con tumore NSCLC in stadio precoce, resecato. ( Xagena2017 )

Wakelee HA et al, Lancet Oncology 2017; 18: 1610-1623

Pneumo2017 Onco2017 Farma2017


Indietro