Oncologia Morabito
Novartis
Roche Oncologia
OncoHub

Chemioterapia con Docetaxel, Cisplatino e Fluorouracile per il carcinoma a cellule squamose all'ano localmente recidivante non-resecabile o metastatico


L'incidenza del carcinoma a cellule squamose anale è aumentata notevolmente negli ultimi decenni.
Attualmente, non esiste un trattamento validato per il carcinoma a cellule squamose anale in stadio avanzato.
Pertanto, si è cercato di convalidare l'attività clinica e la sicurezza della chemioterapia con Docetaxel, Cisplatino e Fluorouracile ( DCF ) in pazienti con carcinoma a cellule squamose dell'ano localmente ricorrente non-resecabile o metastatico.

È stato condotto uno studio multicentrico, a braccio singolo, di fase 2. Sono stati reclutati pazienti di età uguale o superiore a 18 anni con carcinoma a cellule squamose all'ano, confermato istologicamente, con malattia metastatica o con recidiva locale non-resecabile; un ECOG performance status stato di 0 o 1; e con almeno una lesione valutabile in base ai criteri RECIST versione 1.1.

I pazienti naive alla chemioterapia hanno ricevuto 6 cicli di regime DCF standard ( 75 mg/m2 di Docetaxel e 75 mg/m2 di Cisplatino nel giorno 1 e 750 mg/m2 al giorno di Fluorouracile per 5 giorni, ogni 3 settimane ) o 8 cicli di regime DCF modificato ( 40 mg/m2 Docetaxel e 40 mg/m2 Cisplatino il giorno 1 e 1.200 mg/m2 al giorno di Fluorouracile per 2 giorni, ogni 2 settimane ), che sono stati somministrati per via endovenosa.

La scelta tra i regimi standard rispetto a quelli modificati è stata raccomandata in base all'età, ma senza limitazione ( 75 anni o meno rispetto a più di 75 anni ) e all’ECOG performance status ( 0 vs 1 ).

L'endpoint primario era la sopravvivenza libera da progressione valutata dallo sperimentatore a 12 mesi dal primo ciclo di regime DCF; per il raggiungimento dell'endpoint primario, almeno 11 dei 66 pazienti arruolati ( 17% ) dovevano essere vivi senza progressione della malattia a 12 mesi.

Tra il 2014 e il 2016 sono stati arruolati 69 pazienti. Di questi pazienti, tre non hanno ricevuto il regime DCF.

Dei 66 pazienti che hanno ricevuto il trattamento, 36 hanno ricevuto il regime standard DCF e 30 hanno ricevuto il regime DCF modificato.

L'endpoint primario è stato raggiunto: 31 su 66 pazienti ( 47% ) erano vivi e liberi da progressione a 12 mesi.

22 pazienti su 36 ( 61% ) che hanno ricevuto il regime standard DCF e 18 su 30 pazienti (60%) che hanno ricevuto il regime DCF modificato presentavano progressione della malattia al cutoff dei dati.

46 pazienti su 66 ( 70% ) hanno presentato almeno un evento avverso di grado 3-4 ( 30 su 36, 83%, nel regime DCF standard e 16 su 30, 53%, nel regime DCF modificato ).

Gli eventi avversi di grado 3-4 più comuni sono stati neutropenia ( 15, 23%; 8, 22%, per regime DCF standard vs 7, 23%, per regime DCF modificato ), diarrea ( 12, 18%; 9, 25%, vs 3, 10% ), astenia ( 10, 15%; 8, 22%, vs 2, 7% ), anemia ( 10, 15%; 6, 17%, vs 4, 13% ), linfopenia ( 8, 12%; 3, 8%, vs 5, 17% ), mucosite ( 7, 11%; 7, 19%, vs nessuno ) e vomito ( 7, 11%; 5, 14%, vs 2, 7% ).

Non sono stati osservati eventi avversi non-ematologici di grado 4 e neutropenia febbrile con regime DCF modificato, mentre 3 ( 8% ) eventi avversi non-ematologici di grado 4 e 5 ( 14% ) casi di neutropenia febbrile sono stati riportati con regime DCF standard.
97 eventi avversi gravi sono stati riportati ( 69 nei pazienti che hanno ricevuto il regime DCF standard, 61 correlati al farmaco, e 28 in quelli trattati con il regime DCF modificato, 14 correlati al farmaco ).
Non sono stati registrati decessi correlati al trattamento.

Rispetto a al regime DCF standard, il regime DCF modificato ha fornito una risposta duratura con una buona tollerabilità nei pazienti con carcinoma a cellule squamose anale localmente recidivante non-resecabile o metastatico con un ECOG performance status pari a 0-1 nell'impostazione di prima linea, e quindi potrebbe essere considerato come un nuovo standard di cura per questi pazienti.
Per quanto riguarda il rischio elevato di eventi avversi gravi e di alto grado e di neutropenia febbrile, il regime DCF standard non può essere raccomandato in questa situazione. ( Xagena2018 )

Kim S et al, Lancet Oncol 2018; 19: 1094-1106

Onco2018 Gastro2018 Farma2018


Indietro