Novartis
Roche Oncologia
OncoHub
Oncologia Morabito

Cisplatino e Gemcitabina rispetto a Paclitaxel e Gemcitabina come terapia di prima linea per cancro alla mammella metastatico triplo negativo


La chemioterapia a base di Platino ha un ruolo nel trattamento del carcinoma mammario metastatico triplo negativo ma il suo pieno potenziale probabilmente non è ancora stato raggiunto.
Si è valutato se un regime di Cisplatino e Gemcitabina sia risultato non-inferiore o superiore a Paclitaxel e Gemcitabina come terapia di prima linea per i pazienti con carcinoma mammario metastatico triplo negativo.

Per questo studio in aperto, randomizzato, di fase 3, intrapreso presso 12 Centri o ospedali in Cina, sono stati inclusi pazienti cinesi di età compresa tra 18 e 70 anni non precedentemente trattate, con cancro al seno triplo negativo metastatico istologicamente confermato e un performance status ECOG di 0-1.

Queste pazienti sono state assegnate in modo casuale a ricevere Cisplatino e Gemcitabina ( Cisplatino 75 mg/m2 al giorno 1 e Gemcitabina 1.250 mg/m2 nei giorni 1 e 8 ) o Paclitaxel e Gemcitabina ( Paclitaxel 175 mg/m2 al giorno 1 e Gemcitabina 1.250 mg/m2 nei giorni 1 e 8 ) somministrati per via endovenosa ogni 3 settimane per un massimo di 8 cicli.

L'endpoint primario era la sopravvivenza libera da progressione e le analisi si sono basate su tutte le pazienti che hanno ricevuto almeno una dose del trattamento assegnato.

Il margine utilizzato per stabilire la non inferiorità è stato 1.2.
Se la non-inferiorità di Cisplatino e Gemcitabina rispetto a Paclitaxel e Gemcitabina fosse stata raggiunta, si sarebbe verificata la superiorità.

Dal 2011 al 2013, 240 pazienti sono stati valutati per l'ammissibilità e assegnati in modo casuale al trattamento ( 120 nel gruppo Cisplatino più Gemcitabina e 120 nel gruppo Paclitaxel e Gemcitabina ).
236 pazienti hanno ricevuto almeno una dose di chemioterapia assegnata e sono stati inclusi nella analisi modificata intention-to-treat ( 118 per gruppo ).

Dopo un follow-up mediano di 16.3 mesi nel gruppo Cisplatino e Gemcitabina e 15.9 mesi nel gruppo Paclitaxel e Gemcitabina, l’hazard ratio per la sopravvivenza libera da progressione è stato di 0.692 ( P di non-inferiorità minore di 0.0001, P superiorità=0.009, perciò Cisplatino più Gemcitabina è risultato sia non-inferiore che superiore a Paclitaxel e Gemcitabina.

La sopravvivenza libera da progressione mediana è stata di 7.73 mesi nel gruppo Cisplatino e Gemcitabina e 6.47 mesi nel gruppo Paclitaxel più Gemcitabina.

Gli eventi avversi di grado 3 o 4 che differivano significativamente tra i due gruppi hanno incluso nausea ( 8 [ 7% ] vs 1, minore di 1% ), vomito (13 [ 11% ] vs 1, minore di 1% ), dolore muscolo-scheletrico ( nessuno vs 10 [ 8% ] ), anemia ( 39 [ 33% ] vs 6 [ 5% ] ) e trombocitopenia ( 38 [ 32% ] vs 3 [ 3% ] ) per il gruppo Cisplatino e Gemcitabina rispetto al gruppo Paclitaxel e Gemcitabina, rispettivamente.

Inoltre, i pazienti nel gruppo Cisplatino più Gemcitabina hanno presentato significativamente meno eventi di grado 1-4 di alopecia ( 12 [ 10% ] vs 42 [ 36% ] ) e neuropatia periferica ( 27 [ 23% ] vs 60 [ 51% ] ), ma più eventi di grado 1-4 di anoressia ( 33 [ 28% ] vs 10 [ 8% ] ), costipazione ( 29 [ 25% ] vs 11 [ 9% ] ), ipomagnesemia ( 27 [ 23% ] vs 5 [ 4% ] ) e ipopotassiemia ( 10 [ 8% ] vs 2 [ 2% ] ).

Gravi eventi avversi correlati al farmaco sono stati osservati in 3 pazienti nel gruppo Paclitaxel e Gemcitabina ( polmonite interstiziale, anafilassi, e neutropenia grave ) e 4 nel gruppo Cisplatino e Gemcitabina ( fratture ossee patologiche, trombocitopenia con emorragie sottocutanee, anemia grave, e sincope cariogena ).

Non ci sono stati decessi correlati al trattamento.

Cisplatino più Gemcitabina potrebbe essere un'alternativa o anche la strategia di chemioterapia di prima linea preferenziale per le pazienti con cancro al seno metastatico triplo negativo. ( Xagena2015 )

Hu XC et al, Lancet 2015;16:436-446

Onco2015 Gyne2015 Farma2015


Indietro