Lung Unit
Tumore Uroteliale
Tumore Vescica
XagenaNewsletter

Denosumab nei pazienti con tumore osseo a cellule giganti


Il tumore osseo a cellule giganti ( GCTB ) è un tumore stromale osteoclastogenico localmente aggressivo dell'osso.
Uno studio di fase 2 ha valutato la sicurezza e l'attività di Denosumab ( Xgeva ) nei pazienti con tumore osseo a cellule giganti chirurgicamente salvabili o non-salvabili.

In questo studio multicentrico, in aperto, di fase 2, condotto in 30 siti in 12 Paesi, sono stati arruolati adulti e adolescenti scheletricamente maturi ( di età maggiore o uguale a 12 anni ) con un peso di almeno 45 kg con tumore GCTB istologicamente confermato e misurabile radiograficamente, Karnofsky performance status del 50% o superiore ( ECOG status pari a 0, 1 o 2 ) e malattia attiva misurabile entro un anno dall'arruolamento.

I pazienti presentavano tumore GCTB chirurgicamente non-salvabile ( coorte 1 ), GCTB chirurgicamente salvabile con intervento chirurgico pianificato che avrebbe comportato una grave morbilità ( coorte 2 ), o erano stati arruolati da uno studio precedente di Denosumab per GCTB ( coorte 3 ).

I pazienti hanno ricevuto 120 mg di Denosumab sottocutaneo una volta ogni 4 settimane durante la fase di trattamento, con dosi di carico ( 120 mg per via sottocutanea ) somministrate nei giorni di studio 8 e 15 a pazienti nelle coorti 1 e 2 ( i pazienti nella coorte 3 non hanno ricevuto dosi di carico ).

L'endpoint primario era la sicurezza in termini di tipo, frequenza e gravità degli eventi avversi; gli endpoint secondari includevano il tempo alla progressione della malattia dalla coorte 1 e la percentuale di pazienti senza intervento chirurgico al mese 6 per la coorte 2.
Il set di analisi di sicurezza includeva tutti i pazienti arruolati che avevano ricevuto almeno una dose di Denosumab.

Tra il 2008 e il 2016, sono stati arruolati 532 pazienti: 267 nella coorte 1, 253 nella coorte 2 e 12 nella coorte 3.

Al cutoff dei dati nel 2017, il follow-up mediano era di 58.1 mesi nella popolazione complessiva dei pazienti e 65.8 mesi nella coorte 1, 53.4 mesi nella coorte 2 e 76.4 mesi nella coorte 3.

Durante la fase di trattamento, gli eventi avversi più comuni di grado 3 o peggiori sono stati ipofosfatemia ( 24 su 526 pazienti, 5% ), osteonecrosi della mascella ( 17, 3% ), dolore alle estremità ( 12, 2% ) e anemia ( 11, 2% ).

Sono stati segnalati eventi avversi gravi in ​​138 pazienti su 526 ( 26% ); i più comuni erano osteonecrosi della mascella ( 17, 3% ), anemia ( 6, 1% ), tumore osseo a cellule giganti ( 6, 1% ) e mal di schiena ( 5, 1% ).
28 pazienti ( 5% ) hanno presentato osteonecrosi della mascella positivamente giudicata, 4 ( 1% ) presentavano frattura atipica del femore e 4 ( 1% ) avevano ipercalcemia che si era verificata 30 giorni dopo l'interruzione di Denosumab.

Vi sono stati 4 casi ( 1% ) di trasformazione sarcomatosa, coerenti con i dati storici.

Si sono verificati 10 decessi (2%) emergenti dal trattamento ( 2 dei quali erano considerati correlati al trattamento; sarcoma osseo nella coorte 2 e sarcoma nella coorte 1 ).

Il tempo mediano alla progressione o alla recidiva per i pazienti nella coorte 1 durante la prima fase del trattamento non è stato raggiunto ( 28 su 262 pazienti, 11%, aveva progressione o recidiva ).

227 su 248 pazienti ( 92% ) che hanno ricevuto almeno una dose di Denosumab nella coorte 2 non hanno subito interventi chirurgici nei primi 6 mesi dello studio.

I tipi e le frequenze degli eventi avversi erano coerenti con il profilo di sicurezza noto di Denosumab, che ha mostrato un controllo a lungo termine della malattia per i pazienti con tumore osseo a cellule giganti con tumori non-resecabili e resecabili.
I risultati hanno indicato che il rapporto rischio / beneficio complessivo per il trattamento con Denosumab nei pazienti con tumore GCTB rimane favorevole. ( Xagena2019 )

Chawla S et al, Lancet Oncology 2019; 20: 1719-1729

Endo2019 Orto2019 Onco2019 Farma2019


Indietro