Novartis
Lung Unit
BMS
XagenaNewsletter

Effetto di Everolimus sulla sopravvivenza nel carcinoma epatocellulare avanzato dopo fallimento di Sorafenib


A parte l’inibitore multichinasi Sorafenib ( Nexavar ), non esistono terapie sistemiche efficaci per il trattamento del carcinoma epatocellulare avanzato.

È stata valutata l'efficacia di Everolimus ( Afinitor ) in pazienti con epatocarcinoma in fase avanzata, per i quali non è riuscito il trattamento con Sorafenib.

Lo studio EVOLVE-1 era uno studio randomizzato, in doppio cieco, di fase 3 condotto in 546 adulti con carcinoma epatocellulare in stadio B o C Barcelona Clinic Liver Cancer e funzione epatica Child-Pugh A, la cui malattia è progredita durante o dopo la somministrazione di Sorafenib o che erano intolleranti a Sorafenib.
I pazienti sono stati arruolati da 17 Paesi nel periodo 2010-2012.
La randomizzazione è stata stratificata per regione ( Asia e resto del mondo ) e invasione macrovascolare ( presente o assente ).

È stato somministrato Everolimus 7.5 mg/die oppure placebo, entrambi in combinazione con la migliore terapia di supporto e si è continuato fino a progressione della malattia o tossicità intollerabile.
Per lo schema di randomizzazione 2:1, 362 pazienti sono stati randomizzati al gruppo Everolimus e 184 pazienti al gruppo placebo.

L'endpoint primario era la sopravvivenza globale. Gli endpoint secondari includevano il tempo alla progressione e il tasso di controllo della malattia ( percentuale di pazienti con migliore risposta globale di risposta completa o parziale o malattia stabile ).

Nessuna differenza significativa nella sopravvivenza generale è stata osservata tra i gruppi di trattamento, con 303 decessi ( 83.7% ) nel gruppo Everolimus e 151 decessi ( 82.1% ) nel gruppo placebo ( hazard ratio, HR=1.05; P=0.68; sopravvivenza globale media, 7.6 mesi con Everolimus, 7.3 mesi con placebo ).

Il tempo medio alla progressione con Everolimus e placebo è stato, rispettivamente, di 3.0 mesi e 2.6 mesi, ( HR=0.93 ), e il tasso di controllo della malattia è stato, rispettivamente, pari a 56.1% e 45.1%, ( P=0.01 ).

I più comuni eventi avversi di grado 3/4 per Everolimus versus placebo sono stati anemia ( 7.8% vs 3.3%, rispettivamente ), astenia ( 7.8% vs 5.5% ) e diminuzione dell'appetito ( 6.1% vs 0.5% ).

Nessun paziente ha avuto riacutizzazione di epatite C virale.
Sulla base dei risultati di laboratorio, la riattivazione virale della epatite B è stata riscontrata in 39 pazienti ( 29 con Everolimus, 10 con placebo ); tutti i casi erano asintomatici, ma 3 soggetti trattati con Everolimus hanno interrotto la terapia.

In conclusione, Everolimus non ha migliorato la sopravvivenza complessiva nei pazienti con carcinoma epatocellulare avanzato la cui malattia è progredita durante o dopo aver ricevuto Sorafenib o che erano intolleranti a Sorafenib. ( Xagena2014 )

Zhu AX et al, JAMA 2014;312:57-67

Onco2014 Gastro2014 Farma2014


Indietro