Roche Oncologia
Lung Unit
Novartis
BMS

Effetto di Pembrolizumab dopo radioterapia stereotassica corporea versus Pembrolizumab da solo sulla risposta tumorale nei pazienti con tumore polmonare non-a-piccole cellule avanzato: studio PEMBRO-RT


Molti pazienti con tumore al polmone non-a-piccole cellule ( NSCLC ) avanzato sottoposti a immunoterapia mostrano resistenza primaria.
La radioterapia ad alte dosi può portare a un aumento del rilascio dell'antigene tumorale, a una migliore presentazione dell'antigene e all'infiltrazione delle cellule T.
Questa radioterapia può aumentare gli effetti dell'inibizione del checkpoint.

Si è valutato se la radioterapia stereotassica corporea su un singolo sito tumorale precedente al trattamento con Pembrolizumab ( Keytruda ) sia in grado di migliorare la risposta tumorale nei pazienti con carcinoma al polmone non-a-piccole cellule metastatico.

Lo studio randomizzato, multicentrico, di fase 2 PEMBRO-RT è stato condotto su 92 pazienti con tumore NSCLC avanzato arruolato tra il 2015 e il 2018, indipendentemente dallo stato del ligando 1 di morte cellulare programmata ( PD-L1 ).

È stato somministrato Pembrolizumab ( 200 mg/kg ogni 3 settimane ) da solo ( braccio di controllo ) o dopo radioterapia ( 3 dosi di 8 Gy ) ( braccio sperimentale ) in un singolo sito di tumore fino a progressione radiografica confermata, effetti tossici inaccettabili, decisione dei ricercatori, ritiro del consenso del paziente o un massimo di 24 mesi.

L’esito principale era un miglioramento del tasso di risposta globale ( ORR ) a 12 settimane del 20% nel braccio di controllo del 50% nel braccio sperimentale con P minore di 0.10.

Dei 92 pazienti arruolati, 76 sono stati randomizzati al braccio di controllo ( n=40 ) o al braccio sperimentale ( n=36 ). Di questi, l'età media era di 62 anni, e 44 ( 58% ) erano uomini.

Il tasso di risposta globale a 12 settimane è stato del 18% nel braccio di controllo rispetto al 36% nel braccio sperimentale ( P=0.07 ).

La sopravvivenza libera da progressione, mediana, è stata pari a 1.9 mesi rispetto a 6.6 mesi ( hazard ratio, HR=0.71; P=0.19 ) e la sopravvivenza globale( OS ) mediana è stata di 7.6 mesi versus 15.9 mesi ( HR=0.66; P=0.16 ).

Le analisi dei sottogruppi hanno mostrato il massimo beneficio dall'aggiunta della radioterapia nei pazienti con tumori PD-L1-negativi.
Non è stato osservato alcun aumento degli effetti tossici correlati al trattamento nel braccio sperimentale.

La radioterapia stereotassica corporea prima di Pembrolizumab è risultata ben tollerata.
Sebbene sia stato osservato un raddoppio del tasso di risposta obiettiva, i risultati non hanno soddisfatto i criteri dell'endpoint prespecificato dello studio per un significativo beneficio clinico.
I risultati positivi sono stati in gran parte influenzati dal sottogruppo PD-L1-negativo, che ha significativamente migliorato la sopravvivenza libera da progressione e la sopravvivenza globale.
Questi risultati suggeriscono che è necessario uno studio più ampio per determinare se la radioterapia possa attivare un microambiente tumorale non-infiammato verso più infiammato. ( Xagena2019 )

Theelen WSME et al, JAMA Oncol 2019; 5: 1276-1282

Onco2019 Pneumo2019 Farma2019


Indietro