Oncologia Morabito
Novartis
Roche Oncologia
OncoHub

Efficacia di Mobocertinib nei pazienti con carcinoma al polmone non-a-piccole cellule che ospita mutazioni di EGFR con inserzione dell'esone 20


I risultati di uno studio di fase 1/2 ha mostrato che i benefici clinicamente significativi di Mobocertinib come terapia per i pazienti con carcinoma polmonare non-a-piccole cellule metastatico ( mNSCLC ) e mutazioni di inserzione dell'esone 20 in EGFR si accoppiano a un profilo di sicurezza accettabile.

Nei pazienti precedentemente trattati con chemioterapia a base di Platino, il tasso di risposta obiettiva ( ORR ) confermato è stato del 26% ( IC 95%, 19-35% ) secondo un Comitato di revisione indipendente ( IRC ) e del 35% ( IC 95% , 26-45% ) secondo la valutazione dello sperimentatore.
La sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) mediana, sia secondo IRC che secondo la valutazione dello sperimentatore, è stata di 7.3 mesi.

In una seconda coorte di pazienti che hanno ricevuto un precedente inibitore della tirosin-chinasi ( TKI ) di EGFR, il tasso ORR confermato è stato del 23% ( IC 95%, 15-33% ) secondo IRC e del 32% ( IC 95%, 23-43% ) secondo la valutazione dello sperimentatore; la sopravvivenza senza progressione mediana è stata pari a 7.3 mesi, mentre secondo la valutazione dello sperimentatore, è stata di 7.1 mesi.

Il profilo di sicurezza di Mobocertinib è risultato in linea con i profili noti di altri inibitori della tirosin-chinasi di EGFR.

Mobocertinib è un potente inibitore della tirosin-chinasi a piccola molecola specificamente indirizzata verso le mutazioni di EGFR con inserzione dell'esone 20.
Mobocertinib ha ricevuto la designazione di terapia fortemente innovativa da parte della FDA ( Food and Drug Administration ) nell'aprile 2020 per i pazienti con tumore NSCLC metastatico, EGFR-mutato con inserzione dell'esone 20, la cui malattia è progredita durante o dopo la chemioterapia a base di Platino.

Lo studio comprendeva una coorte di incremento della dose di fase 1, che ha valutato Mobocertinib da solo e in combinazione con la chemioterapia, e una coorte di espansione di fase 2, che ha incluso 7 diverse coorti, più una coorte di estensione, volta a indagare l'attività antitumorale di Mobocertinib.

L'analisi di coorte della popolazione pretrattata con Platino ( PPP ) ha esaminato 114 pazienti con tumore NSCLC metastatico EGFR-mutato con inserzione dell'esone 20, che avevano ricevuto una precedente terapia a base di Platino nelle fasi di incremento ed espansione della dose dello studio di fase 1/2, trattati con Mobocertinib alla dose di 160 mg una volta al giorno.

La coorte di estensione di fase 2, nota come EXCLAIM, ha studiato 96 pazienti precedentemente trattati con tumore NSCLC metastatico, EGFR-mutato con inserzione dell'esone 20, trattati con Mobocertinib alla dose di 160 mg.

L'endpoint primario dello studio era il tasso di risposta globale confermato, valutato da IRC, mentre gli endpoint secondari includevano sicurezza, tollerabilità ed efficacia.

Nell'analisi della coorte PPP ( n=114 ), l'età mediana era di 60 anni ( range 27-84 ), il 66% era di sesso femminile e il 60% era di discendenza asiatica.
Il 32% dei pazienti aveva ricevuto almeno 2 precedenti linee sistemiche di terapia antitumorale ( range, 1-7 ).
Il tempo mediano di trattamento è stato di 7.0 mesi ( range 0-31 ).

In EXCLAIM ( n = 96 ), l'età mediana dei pazienti era di 59 anni ( range 27-80 ). Il 65% dei pazienti era di sesso femminile, il 69% era di origine asiatica e il 31% aveva più di 2 precedenti linee di terapia sistemica ( range, 1-4 ).
Il tempo mediano di trattamento è stato di 6.5 mesi ( range 0-14 ).
La durata mediana della risposta, secondo le stime di Kaplan-Meier, non era stimabile.

Nella coorte PPP, Mobocertinib ha prodotto una riduzione del volume della lesione target, con l'82% dei pazienti ( n = 94 ) che ha presentato una riduzione rispetto al basale della somma del diametro della lesione target.
I risultati sono stati simili nella coorte EXCLAIM, con l'80% dei pazienti ( n = 77 ) che ha anche sperimentato una riduzione rispetto al basale nella somma del diametro della lesione target.

In coloro che avevano ricevuto una precedente immunoterapia rispetto a quelli senza nella coorte PPP, i tassi ORR sono stati, rispettivamente, del 25% e del 28%, mentre questo sottogruppo nella coorte EXCLAIM aveva tassi ORR rispettivamente del 21% e del 24%.

Coloro che avevano ricevuto un precedente trattamento con inibitore della tirosin-chinasi di EGFR rispetto a quelli che non l'avevano ricevuto, nella coorte PPP hanno presentato tassi di ORR rispettivamente del 21% e del 28%. Nella coorte EXCLAIM, questi tassi sono stati rispettivamente del 15% e del 26%.

Il profilo di sicurezza osservato nell'analisi ha dimostrato che Mobocertinib era gestibile. Alcuni degli eventi avversi correlati al trattamento ( TRAE; 20% o maggiore ) più comuni nei pazienti pretrattati con Platino sono stati: diarrea ( 90% ), eruzione cutanea ( 45% ), paronichia ( 34% ), nausea ( 32% ), diminuzione dell'appetito ( 32% ), pelle secca ( 30% ) e vomito ( 30% ).
L'evento TRAE di grado 3 o superiore ( maggiore o uguale a 5% ) è stata la diarrea ( 21% ).
Diciannove pazienti ( 17% ) hanno interrotto il trattamento a causa di eventi avversi, più comunemente a causa di diarrea ( 4% ), nausea ( 4% ), vomito ( 2% ), diminuzione dell'appetito ( 2% ) e stomatite ( 2% ).
Il profilo di sicurezza osservato in EXCLAIM è risultato in linea con quello osservato nella popolazione pretrattata con Platino. ( Xagena2021 )

Fonte: International Association for the Study of Lung Cancer ( IASLC ) 2020 World Conference on Lung Cancer ( WCLC ) Singapore, 2021 [ Zhou C, Ramalingam S, Li B, et al ]

Pneumo2021 Onco2021 Farma2021


Indietro