Roche Oncologia
OncoHub
Novartis
Oncologia Morabito

Efficacia e sicurezza di Durvalumab nel carcinoma uroteliale localmente avanzato o metastatico


I dati illustrati di seguito sono stati accettati per la valutazione da parte della FDA ( US Food and Drug Administration ) per stabilire il beneficio clinico di Durvalumab ( Imfinzi ) come terapia di seconda linea per il carcinoma uroteliale localmente avanzato o metastatico (UC), con conseguente recente approvazione negli Stati Uniti.

È stato fornito un aggiornamento pianificato della sicurezza e dell'efficacia di Durvalumab in pazienti con carcinoma uroteliale localmente avanzato / metastatico.

È in corso uno studio di fase 1/2 in aperto su 191 pazienti adulti con carcinoma uroteliale istologicamente o citologicamente confermato localmente avanzato / metastatico la cui malattia era progredita, non erano eleggibili o avevano rifiutato una precedente chemioterapia da 60 Centri in 9 Paesi.

I pazienti sono stati trattati con infusione endovenosa di Durvalumab, 10 mg/kg ogni 2 settimane, fino a 12 mesi o fino a progressione, inizio di un'altra terapia antitumorale o effetti tossici inaccettabili.

Gli endpoint primari erano la sicurezza e il tasso di risposta obiettiva ( ORR ) confermato secondo i criteri RECIST di valutazione della risposta nei tumori solidi, versione 1.1.

In totale 191 pazienti con carcinoma uroteliale avevano ricevuto un trattamento.

A partire da ottobre 2016 ( aggiornamento a 90 giorni ), il follow-up mediano è stato di 5.78 mesi.
L'età media dei pazienti era di 67.0 anni e la maggior parte erano maschi ( 136, 71.2% ) e bianchi ( 123, 71.1% ).

Tutti i pazienti avevano una malattia allo stadio 4 e 190 ( 99.5% ) avevano subito una precedente terapia antitumorale (1 82, 95.3%, post-Platino ).

Il tasso di risposta obiettiva è stato del 17.8% ( 34 su 191 ), includendo 7 risposte complete.

Le risposte sono state precoci ( tempo mediano alla risposta, 1.41 mesi ), durevoli ( durata mediana della risposta non-raggiunta ) e osservate indipendentemente dall'espressione del ligando-1 di morte cellulare programmata ( PD-L1 ) ( ORR, 27.6%, n=27 e 5.1%, n=4, nei pazienti con espressione alta e bassa o negativa di PD-L1, rispettivamente ).

La sopravvivenza mediana libera da progressione e la sopravvivenza globale sono state 1.5 mesi e 18.2 mesi, rispettivamente; il tasso di sopravvivenza globale a 1 anno è stato del 55%, come stimato dal metodo Kaplan-Meier.

Eventi avversi correlati al trattamento di grado 3/4 si sono verificati in 13 pazienti ( 6.8% ); eventi avversi immunomediati di grado 3/4 si sono verificati in 4 pazienti ( 2.1%); eventi avversi correlati al trattamento hanno portato all'interruzione del trattamento in 3 pazienti ( 1.6% ), 2 dei quali hanno avuto eventi avversi immunomediati che hanno portato alla morte ( epatite autoimmune e polmonite ).

In conclusione, Durvalumab 10 mg/kg ogni 2 settimane ha dimostrato una attività clinica favorevole e un profilo di sicurezza incoraggiante e gestibile nei pazienti con carcinoma uroteliale localmente avanzato / metastatico. ( Xagena2017 )

Powles T et al, JAMA Oncol 2017; 3: e172411

Onco2017 Uro2017 Farma2017


Indietro