Novartis
BMS
Lung Unit
OncoGeriatria

Efficacia e sicurezza di Pasireotide a lunga durata d'azione o Everolimus da soli o in associazione in pazienti con carcinoidi avanzati del polmone e del timo


Non ci sono dati da studi prospettici incentrati esclusivamente su pazienti con carcinoidi polmonari e timici avanzati.
Sono state valutate l'efficacia e la sicurezza di Pasireotide ( Signifor ) a lunga durata d'azione ed Everolimus ( Afinitor ), somministrati da soli o in associazione, in pazienti con carcinoidi avanzati del polmone o del timo.

Lo studio di fase 2, LUNA, prospettico, multicentrico, randomizzato, in aperto, è stato svolto in pazienti adulti di età superiore a 18 anni con tumori carcinoidi del polmone o del timo ben differenziati non-resecabili o metastatici, con progressione radiologica entro 12 mesi prima della randomizzazione e un performance status WHO di 0-2.

I pazienti sono stati assegnati in modo casuale a ricevere il trattamento con Pasireotide a lunga durata d'azione ( 60 mg per via intramuscolare ogni 28 giorni ), Everolimus ( 10 mg per via orale una volta al giorno ) o entrambi in combinazione, per un periodo di trattamento di 12 mesi.

I pazienti sono stati stratificati per tipo di carcinoide ( tipico vs atipico ) e linea di trattamento dello studio ( prima linea vs altre ).

L'endpoint primario era la percentuale di pazienti liberi da progressione al mese 9, definita come la percentuale di pazienti con valutazione complessiva della lesione al mese 9 che ha mostrato una risposta completa, una risposta parziale o una malattia stabile secondo i criteri RECIST di valutazione della risposta nei tumori solidi, versione 1.1, valutata nella popolazione intention-to-treat.
La sicurezza è stata valutata in tutti i pazienti che hanno ricevuto almeno una dose di farmaco in studio e hanno avuto almeno una valutazione di sicurezza post-basale.

Tra il 2013 e il 2014, 124 pazienti sono stati arruolati da 36 Centri in 9 Paesi: 41 sono stati assegnati al gruppo Pasireotide ad azione prolungata, 42 al gruppo Everolimus e 41 al gruppo di associazione.

Al mese 9, la percentuale di pazienti con una valutazione complessiva della lesione di risposta completa, risposta parziale o malattia stabile è stata di 16 su 41 pazienti ( 39.0% ) nel gruppo Pasireotide a lunga durata d’azione, 14 su 42 pazienti ( 33.3% ) nel gruppo Everolimus e 24 su 41 pazienti ( 58.5% ) nel gruppo di associazione.

Gli eventi avversi di grado 1-2 più comuni con sospetta associazione con Pasireotide ad azione prolungata in monoterapia sono stati diarrea ( 15 su 41, 37% ), iperglicemia ( 17, 41% ) e perdita di peso ( 8, 20% ); quelli con sospetta associazione con Everolimus in monoterapia sono stati stomatite ( 26 su 42, 62% ) e diarrea ( 16, 38% ); quelli sospettati di essere associati al trattamento di combinazione sono stati iperglicemia ( 27 su 41, 66% ), diarrea ( 19, 46% ) e astenia ( 8, 20% ).

Gli eventi avversi di grado 3-4 più comuni con sospetta associazione con Pasireotide a lunga durata d'azione in monoterapia sono stati aumentata gamma-glutamiltransferasi ( 4 su 41 pazienti, 10% ), diarrea ( 3, 7% ) e iperglicemia ( 3, 7% ); quelli con Everolimus sono stati iperglicemia ( 7 su 42 pazienti, 17% ), stomatite ( 4, 10% ) e diarrea ( 3, 7% ); quelli con il trattamento di combinazione sono stati iperglicemia ( 9 su 41 pazienti, 22% ) e diarrea ( 4, 10% ).

Sono deceduti 11 pazienti durante la fase di trattamento di 12 mesi o fino a 56 giorni dopo l'ultima data di esposizione al trattamento: 2 su 41 ( 5% ) nel gruppo Pasireotide a lunga durata d'azione, 6 su 42 ( 14% ) nel gruppo Everolimus e 3 su 41 ( 7% ) nel gruppo di associazione.

Nessun decesso è stato sospettato di essere correlato al trattamento con Pasireotide a lunga durata d'azione.
Un decesso nel gruppo Everolimus ( danno renale acuto associato a diarrea ) e due decessi nel gruppo di associazione ( diarrea e sepsi urinaria in un paziente e insufficienza renale acuta e insufficienza respiratoria in un paziente ) sono stati sospettati di essere correlati al trattamento con Everolimus. In quest'ultimo paziente, non si è sospettato che l'insufficienza renale acuta fosse correlata al trattamento con Everolimus, ma si è sospettato che l'insufficienza respiratoria fosse correlata.

Lo studio ha raggiunto l'endpoint primario in tutti e tre i gruppi di trattamento. I profili di sicurezza sono stati coerenti con i profili di sicurezza noti di questi agenti.
Sono necessari ulteriori studi per confermare l'efficacia antitumorale della combinazione di un analogo della somatostatina con Everolimus nei carcinoidi polmonari e timici. ( Xagena2017 )

Ferolla P et al, Lancet Oncology 2017; 18: 1652-1664

Pneumo2017 Med2017 Onco2017 Farma2017


Indietro