Oncologia Morabito
Roche Oncologia
Cortinovis SCLC 2021
Tumore prostata

Efficacia e sicurezza di Pembrolizumab nei pazienti con mesotelioma avanzato - Studio di fase 2 KEYNOTE-158


Il mesotelioma pleurico maligno ( MPM ) ha poche opzioni di trattamento. Pembrolizumab ( Keytruda ) ha mostrato un beneficio clinico preliminare nel mesotelioma pleurico maligno con espressione di PD-L1.

Sono state valutate l'efficacia e la sicurezza della monoterapia con Pembrolizumab in pazienti con mesotelioma pleurico maligno precedentemente trattati indipendentemente dallo stato di PD-L1 nello studio KEYNOTE-158.

Lo studio in corso, in aperto, multicoorte, a braccio singolo, di fase 2 KEYNOTE-158 ha arruolato adulti idonei a partire da 18 anni di età con mesotelioma pleurico maligno che hanno presentato progressione o intolleranza con la terapia standard, ECOG performance status 0-1 e campioni tumorali valutabili per i biomarcatori.

Gli individui sono stati arruolati da 35 strutture accademiche e centri comunitari in 14 Paesi in Australia, Nord America, Europa e Asia.
I partecipanti hanno ricevuto Pembrolizumab 200 mg per via endovenosa ogni 3 settimane per un massimo di 35 cicli.

L'endpoint primario di efficacia era la risposta obiettiva secondo i criteri RECIST versione 1.1, sulla base di immagini radiologiche ogni 9 settimane per il primo anno di studio e successivamente ogni 12 settimane, e valutato mediante revisione centrale indipendente.
L'efficacia e la sicurezza sono state analizzate in tutti i pazienti che hanno ricevuto almeno una dose di Pembrolizumab.

I pazienti sono stati arruolati nella coorte mesotelioma pleurico maligno tra febbraio e agosto 2016.

A giugno 2019, 118 pazienti erano stati arruolati e avevano ricevuto almeno una dose di Pembrolizumab.

10 pazienti ( 8% ) hanno presentato una risposta obiettiva. La durata mediana della risposta obiettiva è stata di 14.3 mesi, e il 60% delle risposte obiettive era in corso a 12 mesi.
Risposte obiettive sono state osservate in 6 su 77 pazienti ( 8% ) con mesotelioma pleurico maligno PD-L1-positivo ( durata mediana della risposta 17.7 mesi ) e 4 su 31 pazienti ( 13% ) con mesotelioma pleurico maligno PD-L1-negativo ( 10.2 mesi ).

La sopravvivenza globale mediana è stata di 10.0 mesi e la sopravvivenza mediana libera da progressione è stata di 2.1 mesi.

Eventi avversi correlati al trattamento si sono verificati in 82 dei 118 pazienti ( 69% ) e gli eventi avversi gravi considerati correlati al trattamento si sono verificati in 14 dei 118 pazienti ( 12% ).
19 pazienti ( 16% ) hanno manifestato eventi correlati al trattamento di grado 3-4, e i più comuni di questi sono stati colite ( 3 pazienti ), iponatriemia ( 3 ) e polmonite ( 2 ).

Un paziente è morto per apnea correlata al trattamento.

Alla fine dello studio, 113 ( 96% ) pazienti avevano interrotto Pembrolizumab, e la malattia progressiva era il motivo più comune per l’interruzione.

Pembrolizumab ha mostrato un'attività antitumorale duratura e una tossicità gestibile nei pazienti con mesotelioma pleurico maligno avanzato, indipendentemente dallo stato di PD-L1.
I dati supportano la via PD-1 e PD-L1 come potenziale bersaglio terapeutico in alcuni pazienti con mesotelioma precedentemente trattato, ma i biomarcatori che possono identificare efficacemente tali pazienti devono ancora essere definiti. ( Xagena2021 )

Yap TA et al, Lancet Respiratory Medicine 2021; 9: 613-621

Pneumo2021 Onco2021 Farma2021


Indietro