Novartis
Roche Oncologia
Oncologia Morabito
OncoHub

Efficacia e sicurezza di Talimogene laherparepvec in combinazione con Ipilimumab rispetto a Ipilimumab in monoterapia nei pazienti con melanoma avanzato non-operabile


È stata valutata la combinazione di Talimogene laherparepvec ( Imlytic ) più Ipilimumab ( Yervoy ), rispetto al solo Ipilimumab, nei pazienti con melanoma avanzato nel primo studio randomizzato di fase II che abbia valutato l'aggiunta di un virus oncolitico a un inibitore del checkpoint immunitario.

Pazienti con melanoma in stadio IIIB-IV non-resecabile, con non più di una precedente terapia in caso di BRAF wild-type, non più di due precedenti terapie in caso di BRAF-mutato, malattia misurabile / iniettabile e senza autoimmunità sintomatica o immunosoppressione clinicamente significativa sono stati assegnati in modo casuale a ricevere Talimogene laherparepvec più Ipilimumab oppure Ipilimumab da solo.

Il trattamento con Talimogene laherparepvec è iniziato alla settimana 1 ( prima dose, inferiore o uguale a 4 ml x 106 unità formanti placca per ml; dopo 3 settimane, inferiore o uguale a 4 ml x 108 unità formanti placca per ml ogni 2 settimane ).
Ipilimumab ( 3 mg/kg ogni 3 settimane, fino a quattro dosi ) è stato iniziato nella settimana 1 nel braccio solo Ipilimumab e nella settimana 6 nel braccio combinato.

L'endpoint primario era il tasso di risposta obiettiva ( ORR ) valutato secondo i criteri di risposta immuno-correlata.

198 pazienti sono stati assegnati in modo casuale a Talimogene laherparepvec più Ipilimumab ( n=98 ) oppure a Ipilimumab da solo ( n=100 ).

38 pazienti ( 39% ) nel braccio combinazione e 18 pazienti ( 18% ) nel braccio Ipilimumab hanno presentato una risposta obiettiva ( odds ratio, OR=2.9; P=0.002 ).
Le risposte non erano limitate alle lesioni iniettate; diminuzioni della lesione viscerale sono state osservate nel 52% dei pazienti nel braccio di combinazione e nel 23% dei pazienti nel braccio Ipilimumab.

Eventi avversi frequenti hanno incluso affaticamento ( combinazione, 59%, Ipilimumab da solo, 42% ), brividi ( 53% versus 3% ) e diarrea ( 42% versus 35% ).
L'incidenza di eventi avversi di grado 3 o maggiore è stata rispettivamente pari al 45% e al 35%.

3 pazienti nel braccio combinazione hanno avuto eventi avversi fatali; nessuno è stato correlato al trattamento.

In conclusione, lo studio ha raggiunto il suo obiettivo primario; il tasso di risposta obiettiva è stato significativamente più alto con Talimogene laherparepvec più Ipilimumab rispetto a Ipilimumab da solo.
Questi dati indicano che la combinazione ha una maggiore attività antitumorale senza ulteriori problemi di sicurezza rispetto a Ipilimumab. ( Xagena2018 )

Chesney J et al, J Clin Oncol 2018; 36: 1658-1667

Onco2018 Dermo2018 Farma2018


Indietro