Roche Oncologia
OncoHub
Novartis
Oncologia Morabito

Enzalutamide con terapia standard di prima linea nel carcinoma della prostata metastatico


Enzalutamide ( Xtandi ), un inibitore del recettore degli androgeni, è risultato associato a una migliore sopravvivenza globale negli uomini con tumore prostatico resistente alla castrazione.
Non è noto se l'aggiunta di Enzalutamide alla soppressione del testosterone, con o senza Docetaxel precoce, migliori la sopravvivenza negli uomini con tumore alla prostata metastatico sensibile agli ormoni.

In uno studio di fase 3 in aperto, randomizzato, sono stati assegnati i pazienti alla soppressione del testosterone più Enzalutamide in aperto o a una terapia antiandrogena standard non-steroidea ( gruppo di cure standard ).

L'endpoint primario era la sopravvivenza globale ( OS ). Gli endpoint secondari includevano la sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) determinata dal livello di antigene prostatico specifico ( PSA ), la sopravvivenza libera da progressione clinica e gli eventi avversi.

In totale 1.125 uomini sono stati sottoposti a randomizzazione; il follow-up mediano è stato di 34 mesi.

Ci sono stati 102 decessi nel gruppo Enzalutamide e 143 decessi nel gruppo di terapia standard ( hazard ratio, HR=0.67; P=0.002 ).

Le stime di Kaplan-Meier sulla sopravvivenza globale a 3 anni erano dell'80% (basate su 94 eventi) nel gruppo Enzalutamide e del 72% (basate su 130 eventi) nel gruppo di cure standard.

Risultati migliori con Enzalutamide sono stati osservati anche nella sopravvivenza libera da progressione del PSA ( rispettivamente 174 e 333 eventi; HR=0.39; P minore di 0.001 ) e nella sopravvivenza libera da progressione clinica ( 167 e 320 eventi, rispettivamente; HR=0.40; P minore di 0.001 ).

L'interruzione del trattamento a causa di eventi avversi è stata più frequente nel gruppo Enzalutamide rispetto al gruppo in terapia standard ( 33 e 14 eventi, rispettivamente ).

La fatica è risultata più comune nel gruppo Enzalutamide; si sono verificate convulsioni in 7 pazienti nel gruppo Enzalutamide ( 1% ) e in nessun paziente nel gruppo di cure standard.

Enzalutamide è risultato associato a sopravvivenza libera da progressione e complessiva significativamente più lunga rispetto alle cure standard negli uomini con carcinoma alla prostata metastatico sensibile agli ormoni in trattamento con soppressione del testosterone.
Il gruppo Enzalutamide ha presentato una maggiore incidenza di convulsioni e altri effetti tossici, specialmente tra i pazienti trattati in fase precoce con Docetaxel. ( Xagena2019 )

Davis ID et al, N Engl J Med 2019; 381: 121-131

Uro2019 Onco2019 Farma2019


Indietro