Roche Oncologia
Novartis
BMS
Cortinovis SCLC 2021

Eribulina mesilato nel tumore di seno, pancreas, testa e collo e nel carcinoma polmonare non-a-piccole cellule


Eribulina mesilato ( Halaven ) è un analogo non-taxano di Alicondrina B che agisce come inibitore della dinamica dei microtubuli.
Eribulina è stata approvata negli Stati Uniti nel 2010 per il trattamento del carcinoma mammario metastatico nelle pazienti che hanno ricevuto almeno due regimi chemioterapici per metastasi del cancro al seno, tra cui una antraciclina e un taxano.
Eribulina viene somministrata come agente singolo a 1.4 mg /m2 endovena per 2-5 minuti nei giorni 1 e 8 di un ciclo di 21 giorni.

Sono stati rivisti i profili di farmaci a base di Eribulina, compresa la farmacologia, le proprietà farmacocinetiche, l'efficacia e la tollerabilità, esaminando studi scientifici svolti fino alla fine del 2011.

È stato identificato uno studio di fase III che ha valutato Eribulina in pazienti con tumore alla mammella metastatico.
Sono stati identificati 4 studi di fase II che hanno esaminato Eribulina in pazienti con tumore di testa e collo, del pancreas, e tumore del polmone non-a-piccole cellule.

La sopravvivenza globale media nei pazienti con carcinoma alla mammella metastatico, non-naive al trattamento, trattati con Eribulina è stata di 13.1 mesi rispetto a 10.6 mesi ( P=0.041 ) con altri agenti chemioterapici attivi.

Nel carcinoma del polmone non-a-piccole cellule, la sopravvivenza globale media nei pazienti trattati con Eribulina è stata di 9.4 mesi in una popolazione non-selezionata e variabile a seconda della sensibilità ai taxani: 12.6 mesi nella malattia sensibile ai taxani contro 8.9 mesi nella malattia taxano-resistente.

I pazienti con cancro di testa e collo o del pancreas non hanno avuto miglioramenti nei tassi di risposta o negli esiti di sopravvivenza quando sono stati trattati con Eribulina negli studi clinici.

In conclusione, Eribulina è approvata dalla FDA ( Food and Drug Administration ) per i pazienti con carcinoma mammario metastatico precedentemente trattato e ha dimostrato un beneficio di sopravvivenza rispetto alle opzioni terapeutiche standard in questo ambito.
I malati di cancro polmonare non-a-piccole cellule hanno migliorato i tassi di risposta quando sono stati trattati con Eribulina in studi in aperto, non-randomizzati, di fase II, presentati in forma di abstract.
Eribulina non è risultata efficace nel trattamento del tumore di testa e collo o del cancro del pancreas in studi di fase II. ( Xagena2012 )

Scarpace SL, Clin Ther 2012; 34: 7: 1467-1473

Onco2012 Farma2012


Indietro