BMS
Roche Oncologia
Lung Unit
Novartis

Erlotinib adiuvante nei pazienti con tumore del polmone non-a-piccole cellule resecato con mutazione di EGFR: studio SELECT


Dato il ruolo centrale degli inibitori del recettore del fattore di crescita epidermico ( EGFR ) nel tumore al polmone non-a-piccole cellule ( NSCLC ) avanzato EGFR-mutato, è stato esaminato Erlotinib ( Tarceva ) adiuvante nei pazienti con tumore NSCLC in stadio precoce con mutazione del gene EGFR.

I pazienti con tumori NSCLC EGFR-mutato, resecato, in stadio IA-IIIA ( American Joint Committee on Cancer staging system settima edizione ) sono stati trattati con Erlotinib 150 mg al giorno per 2 anni dopo la chemioterapia adiuvante standard con o senza radioterapia.

Lo studio è stato progettato per 100 pazienti ed è stato utilizzato per dimostrare un endpoint primario di sopravvivenza libera da malattia ( DFS ) a 2 anni superiore all'85%, migliorando i dati storici del 76%.

I pazienti ( n=100 ) sono stati arruolati in 7 siti dal 2008 al 2012; il 13% presentava malattia allo stadio IA, il 32% presentava malattia allo stadio IB, l'11% presentava malattia allo stadio IIA, il 16% presentava malattia allo stadio IIB e il 28% presentava malattia allo stadio IIIA.

Le tossicità erano tipiche di Erlotinib; non ci sono stati eventi avversi di grado 4 o 5.

Il 40% dei pazienti ha richiesto una riduzione della dose di Erlotinib a 100 mg al giorno e 16% a 50 mg al giorno.

Il ciclo previsto a 2 anni è stato raggiunto nel 69% dei pazienti.

Il follow-up mediano è stato di 5.2 anni e la sopravvivenza libera da malattia a 2 anni è stata dell'88% ( 96% stadio I, 78% stadio II, 91% stadio III ).
La DFS mediana e la sopravvivenza globale ( OS ) non sono state raggiunte; la DFS a 5 anni è stata del 56%, la sopravvivenza globale a 5 anni è stata dell'86%.

La malattia si è ripresentata in 40 pazienti, con solo 4 recidive durante il trattamento con Erlotinib. Il tempo mediano alla recidiva è stato di 25 mesi dopo l'interruzione di Erlotinib.

Dei pazienti con recidiva sottoposti a nuova biopsia ( n=24; 60% ), solo uno ha avuto la rilevazione della mutazione T790M.

La maggior parte dei pazienti con recidiva è stata ritrattata con Erlotinib ( n=26; 65% ) per una durata mediana di 13 mesi.

I pazienti con tumore NSCLC EGFR-mutato trattato con Erlotinib adiuvante hanno avuto una sopravvivenza libera da malattia a 2 anni migliore rispetto ai controlli di confronto con genotipo storico.
Le recidive sono state rare per i pazienti trattati con Erlotinib adiuvante, e i pazienti trattati con Erlotinib dopo recidiva hanno presentato un beneficio duraturo. ( Xagena2019 )

Pennell NA et al, J Clin Oncol 2019; 37: 97-104

Onco2019 Pneumo2019 Farma2019


Indietro