BMS
Novartis
Lung Unit
OncoPneumologia

Everolimus per il trattamento dei tumori neuroendocrini avanzati non-funzionali dei polmoni o del tratto gastrointestinale


Le terapie sistemiche efficaci per i pazienti con tumori neuroendocrini avanzati, progressivi del polmone o del tratto gastrointestinale sono scarse.
Uno studio ha valutato l'efficacia e la sicurezza di Everolimus ( Afinitor ) rispetto al placebo in questa popolazione di pazienti.

Nello studio randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo, di fase 3 RADIANT-4, i pazienti adulti ( età superiore a 18 anni ) con tumori neuroendocrini avanzati, progressivi, ben differenziati, non-funzionali di origine polmonare o gastrointestinale sono stati arruolati da 97 Centri in 25 Paesi in tutto il mondo.

I pazienti eleggibili sono stati randomizzati a ricevere Everolimus 10 mg al giorno per via orale oppure placebo, entrambi con terapia di supporto.
I pazienti sono stati stratificati per origine del tumore, performance status, e precedente trattamento con analoghi della Somatostatina.

L'endpoint primario era la sopravvivenza libera da progressione valutata mediante revisione radiologica centrale, analizzato per intention-to-treat.
La sopravvivenza globale era un endpoint secondario chiave.

Tra il 2012 e il 2013, sono stati arruolati in totale 302 pazienti, dei quali 205 sono stati assegnati a Everolimus 10 mg al giorno e 97 a placebo.

La sopravvivenza mediana libera da progressione è stata di 11.0 mesi nel gruppo Everolimus e di 3.9 mesi nel gruppo placebo.

Everolimus è risultato associato a una riduzione del 52% del rischio stimato di progressione o morte ( hazard ratio, HR=0.48, P minore di 0.00001 ).

Anche se statisticamente non-significativi, i risultati della prima analisi di sopravvivenza complessiva ad interim pre-programmata hanno indicato che Everolimus potrebbe essere associato a una riduzione del rischio di morte ( HR=0.64, P one-sided=0.037, mentre il limite di significatività statistica è stato 0.0002 ).

Gli eventi avversi di grado 3 o 4 correlati al farmaco sono stati rari e hanno incluso stomatite ( 18, 9%, su 202 pazienti nel gruppo Everolimus vs 0 su 98 nel gruppo placebo ), diarrea ( 15, 7%, vs 2, 2% ), infezioni ( 14, 7%, vs 0, 0% ), anemia ( 8, 4%, vs 1, 1% ), affaticamento ( 7, 3%, vs 1, 1% ) e iperglicemia ( 7, 3%, vs 0, 0% ).

Il trattamento con Everolimus era associato a un significativo miglioramento nella sopravvivenza libera da progressione nei pazienti con tumori neuroendocrini progressivi polmonari o gastrointestinali.
I risultati di sicurezza erano coerenti con il noto profilo di effetti collaterali di Everolimus.

Everolimus è il primo farmaco ad azione mirata a mostrare robusta attività anti-tumorale con tollerabilità accettabile in una vasta gamma di tumori neuroendocrini, inclusi quelli derivanti da pancreas, polmone e tratto gastrointestinale. ( Xagena2016 )

Yao JC et al, Lancet 2016; 387: 968-977

Onco2016 Farma2016 MalRar2016


Indietro