Lung Unit
Tumore Uroteliale
OncoGinecologia
Melanome

Funzione polmonare a lungo termine nei sopravvissuti a cancro infantile


È stato intrapreso uno studio per determinare l'entità della disfunzione polmonare nei sopravvissuti a cancro nell’infanzia rispetto ai controlli sani e il grado ( e i predittori ) di declino nel corso del tempo.

I sopravvissuti sono stati sottoposti al basale ( t1 ) a test di funzionalità polmonare, seguiti da una seconda valutazione globale ( t2 ) dopo una media di 5 anni.
I sopravvissuti sono stati confrontati con i controlli sani appaiati per età e sesso a t2.

L’età media alla diagnosi di cancro era di 16.5 anni, e il tempo dalla diagnosi a t2 era di 17.1 anni.

Rispetto agli odds [ rischi ] di esposizione per i controlli sani, gli odds di difetti restrittivi sono aumentati di 6.5 volte ( odds ratio, OR=6.5; P minore di 0.01 ), e gli odds di anomalie di diffusione sono risultate aumentate di 5.2 volte ( OR=5.2; P minore di 0.01 ).

Tra i sopravvissuti, l’età inferiore a 16 anni al momento della diagnosi ( OR=3.0; P=0.02 ) e l'esposizione a più di 20 Gy di radiazioni al torace ( OR=5.6; P=0.02, riferimento, nessuna radiazione al torace ) erano associate a difetti restrittivi.

Il sesso femminile ( OR=3.9; P minore di 0.01 ) e la dose di radiazioni al torace ( riferimento, nessuna radiazione petto; 20 Gy o meno: OR=6.4; P minore di 0.01; più di 20 Gy: OR=11.3; P minore di 0.01 ) erano associati ad anomalie di diffusione.

Tra i sopravvissuti con normali test di funzionalità polmonare al basale, le femmine e i sopravvissuti trattati con radiazioni al torace maggiori di 20 Gy hanno dimostrato un declino della funzione di diffusione nel corso del tempo.

In conclusione, i sopravvissuti a cancro nell’infanzia esposti a terapia polmonare tossica hanno significativamente più probabilità di avere difetti restrittivi e di diffusione rispetto ai controlli sani.
La capacità di diffusione diminuisce con il tempo dopo l'esposizione alla terapia polmonare tossica, in particolare tra le donne e i sopravvissuti trattati con alte dosi di radiazioni al torace.
Questi individui potrebbero trarre beneficio da un successivo monitoraggio. ( Xagena2015 )

Armenian SH et al, J Clin Oncol 2015; 33: 1592-1600

Onco2015 Pedia2015 Pneumo2015



Indietro