Novartis
Lung Unit
BMS
Tumore prostata

Gefitinib più chemioterapia rispetto a placebo più chemioterapia nel cancro del polmone non-a-piccole cellule positivo alla mutazione EGFR dopo progressione con Gefitinib in prima linea


Le strategie di gestione ottimale per i pazienti con carcinoma polmonare non-a-piccole cellule ( NSCLC ) con resistenza acquisita agli inibitori delle tirosin-chinasi EGFR sono indefinite.

Uno studio ha valutato l'efficacia e la sicurezza di Gefitinib ( Iressa ) in combinazione con la chemioterapia rispetto alla sola chemioterapia in pazienti con tumore del polmone non-a-piccole cellule avanzato positivo alla mutazione EGFR con resistenza acquisita a Gefitinib in prima linea.

Lo studio multicentrico, randomizzato, di fase 3, IMPRESS, è stato effettuato in 71 Centri in 11 Paesi in Europa e nella regione dell’Asia-Pacifico.
I pazienti eleggibili avevano almeno 18 anni con tumore NSCLC in fase avanzata, istologicamente confermato in stadio IIIB-IV, EGFR+, naïve alla chemioterapia, con precedente controllo della malattia con Gefitinib in prima linea e recente progressione della malattia ( criteri di valutazione RECIST versione 1.1 ).

I partecipanti sono stati assegnati in modo casuale a Gefitinib orale 250 mg oppure placebo una volta al giorno sotto forma di compresse.
Tutti i pazienti hanno anche ricevuto la doppietta chemioterapica a base di Platino con Cisplatino 75 mg/m2 più Pemetrexed 500 mg/m2 il primo giorno di ogni ciclo.

Dopo il completamento di un massimo di 6 cicli di chemioterapia, i pazienti hanno continuato il trattamento assegnato fino a progressione della malattia o al raggiungimento di un altro criterio per l’interruzione.

L'endpoint primario era la sopravvivenza libera da progressione nella popolazione intention-to-treat.
La sicurezza è stata valutata in pazienti che hanno ricevuto almeno una dose del trattamento in studio.

Lo studio ha completato l'arruolamento, ma i pazienti sono ancora in follow-up per la sopravvivenza globale.

Tra il 2012 e il 2013, 265 pazienti sono stati assegnati in modo casuale: 133 al gruppo Gefitinib e 132 al gruppo placebo.

Al momento del cutoff dei dati ( maggio 2014 ), 98 pazienti ( 74% ) presentavano progressione della malattia nel gruppo Gefitinib rispetto a 107 ( 81% ) nel gruppo placebo ( hazard ratio, HR=0.86, P=0.27; sopravvivenza mediana libera da progressione di 5.4 mesi in entrambi i gruppi ).

Gli eventi avversi più comuni di qualsiasi grado sono stati nausea ( 85 pazienti su 132, 64%, nel gruppo Gefitinib e 81 su 132, 61%, nel gruppo placebo ) e diminuzione dell'appetito ( 65, 49%, e 45, 34% ).
Gli eventi avversi più comuni di grado 3 o superiore sono stati anemia ( 11 pazienti su 132, 8%, nel gruppo Gefitinib e 5 su 132, 4%, nel gruppo placebo ) e neutropenia ( 9, 7%, e 7, 5% ). 37 pazienti su 132 ( 28% ) nel gruppo Gefitinib e 28 su 132 ( 21% ) nel gruppo placebo hanno riportato eventi avversi gravi.

La prosecuzione di Gefitinib dopo progressione radiologica della malattia con Gefitinib in prima linea non prolunga il periodo di sopravvivenza libera da progressione nei pazienti che hanno ricevuto la doppietta chemioterapica a base di Platino come successiva linea di trattamento.
La doppietta chemioterapica a base di Platino rimane lo standard di cura in questo contesto. ( Xagena2015 )

Soria JC et al, Lancet 2015; 16: 990-998

Onco2015 Pneumo2015 Farma2015


Indietro