Natera Banner
Bayer Banner
Gilead Banner
Tumore prostata

Gemcitabina con o senza Ramucirumab come trattamento di seconda linea per il mesotelioma pleurico maligno: studio RAMES


Esiste un razionale preclinico per inibire l'angiogenesi nel mesotelioma. Sono state valutate l'efficacia e la sicurezza dell'anticorpo anti-VEGFR-2 Ramucirumab ( Cyramza ) combinato con Gemcitabina nei pazienti con mesotelioma pleurico maligno pretrattato.

RAMES era uno studio di fase 2 multicentrico, randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo, condotto in 26 ospedali in Italia.
I pazienti idonei erano di età pari o superiore a 18 anni, avevano un ECOG performance status di 0-2 e un mesotelioma pleurico maligno istologicamente dimostrato in progressione durante o dopo il trattamento di prima linea con Pemetrexed più Platino.

I pazienti sono stati randomizzati a ricevere Gemcitabina endovenosa di 1.000 mg/m2 nei giorni 1 e 8 ogni 3 settimane più placebo per via endovenosa ( gruppo Gemcitabina più placebo ) o Ramucirumab 10 mg/kg ( gruppo Gemcitabina più Ramucirumab ) il giorno 1 ogni 3 settimane, fino a progressione del tumore o a tossicità inaccettabile.

La randomizzazione centrale è stata eseguita utilizzando i seguenti fattori di stratificazione: ECOG performance status, età, istologia e tempo alla progressione di prima linea.

L'endpoint primario era la sopravvivenza globale, misurata dalla data di randomizzazione alla data di morte per qualsiasi causa.
Le analisi di efficacia sono state valutate in tutti i pazienti che erano stati correttamente randomizzati e avevano ricevuto il trattamento assegnato, e le analisi di sicurezza sono state valutate in tutti i pazienti che hanno ricevuto almeno una dose del trattamento loro assegnato.

Tra il 2016 e il 2018, dei 165 pazienti arruolati, 161 sono stati assegnati correttamente e hanno ricevuto Gemcitabina più placebo ( n=81 ) o Gemcitabina più Ramucirumab ( n=80 ).

Al blocco del database nel 2020, con un follow-up mediano di 21.9 mesi, la sopravvivenza globale è risultata più lunga nel gruppo Ramucirumab ( hazard ratio, HR 0.71, P=0.028 ).

La sopravvivenza globale mediana è stata di 13.8 mesi nel gruppo Gemcitabina più Ramucirumab e 7.5 mesi nel gruppo Gemcitabina più placebo.

Eventi avversi di grado 3-4 correlati al trattamento sono stati riportati in 35 su 80 pazienti ( 44% ) nel gruppo Gemcitabina più Ramucirumab e 24 su 81 ( 30% ) nel gruppo Gemcitabina più placebo.

Gli eventi avversi di grado 3-4 correlati al trattamento più comuni sono stati: neutropenia ( 16, 20%, per Gemcitabina più Ramucirumab versus 10, 12%, per Gemcitabina più placebo ) e ipertensione ( 5, 6%, vs nessuno ).

Eventi avversi gravi correlati al trattamento sono stati riportati in 5 pazienti ( 6% ) nel gruppo Gemcitabina più Ramucirumab e in 4 pazienti ( 5% ) nel gruppo Gemcitabina più placebo; il più comune è stato il tromboembolismo ( 3, 4%, per Gemcitabina più Ramucirumab vs 2, 2%, per Gemcitabina più placebo ).

Non ci sono stati decessi correlati al trattamento.

Ramucirumab più Gemcitabina ha migliorato significativamente la sopravvivenza globale dopo la chemioterapia standard di prima linea, con un profilo di sicurezza favorevole.
Questa combinazione potrebbe essere una nuova opzione in questo ambito. ( Xagena2021 )

Pinto C et al, Lancet Oncology 2021; 22: 1438-1447

Pneumo2021 Onco2021 Farma2021



Indietro