Lung Unit
Tumore Uroteliale
Tumore Vescica
Tumori GenitoUrinari

Gemcitabina e Docetaxel versus Doxorubicina come trattamento di prima linea nei sarcomi dei tessuti molli non-resecabili o metastatici avanzati non-trattati in precedenza: studio GeDDiS


Per molti anni, il trattamento di prima linea per il sarcoma dei tessuti molli localmente avanzato o metastatico è stato Doxorubicina.
Lo studio GeDDiS ha confrontato Gemcitabina e Docetaxel rispetto a Doxorubicina come trattamento di prima linea per il sarcoma dei tessuti molli avanzato o metastatico.

Lo studio GeDDiS era uno studio randomizzato controllato di fase 3 eseguito in 24 ospedali del Regno Unito e in un ospedale dello Swiss Group for Clinical Cancer Research ( SAKK ).
I pazienti eleggibili avevano sarcoma dei tessuti molli localmente avanzato o metastatico di grado Trojani 2 o 3 confermato istologicamente, progressione della malattia prima dell'arruolamento e nessuna chemioterapia precedente per sarcoma o precedente Doxorubicina per qualsiasi tumore.

I pazienti sono stati assegnati in modo casuale a ricevere 6 cicli per via endovenosa di Doxorubicina 75 mg/m2 al giorno 1 ogni 3 settimane, o Gemcitabina per via endovenosa 675 mg/m2 nei giorni 1 e 8 e Docetaxel per via endovenosa 75 mg/m2 al giorno 8 ogni 3 settimane.

La randomizzazione è stata stratificata per età ( 18 anni o meno vs più di 18 anni ) e sottotipo istologico.

L'endpoint primario era la percentuale di pazienti vivi e liberi da progressione a 24 settimane nella popolazione intention-to-treat.

L'aderenza al trattamento e la tossicità sono state analizzate nella popolazione di sicurezza, consistente in tutti i pazienti che avevano ricevuto almeno una dose del loro trattamento randomizzato.

Tra il 2010 e il 2014, 257 pazienti sono stati arruolati e assegnati in modo casuale ai due gruppi di trattamento ( 129 a Doxorubicina e 128 a Gemcitabina e Docetaxel ).

Il follow-up mediano è stato di 22 mesi.

La percentuale di pazienti vivi e liberi da progressione a 24 settimane non differiva tra coloro che avevano ricevuto Doxorubicina rispetto a quelli trattati con Gemcitabina e Docetaxel ( 46.3% vs 46.4% ); sopravvivenza libera da progressione mediana ( 23.3 settimane vs 23.7 settimane; hazard ratio, HR per sopravvivenza libera da progressione 1.28, P=0.06 ).

Gli eventi avversi di grado 3 e 4 più comuni sono stati: neutropenia ( 32 su 128 pazienti, 25%, che hanno ricevuto Doxorubicina e 25 su 126 pazienti, 20%, trattati con Gemcitabina e Docetaxel ), neutropenia febbrile ( 26, 20%, e 15, 12% ), affaticamento ( 8, 6%, e 17, 14% ), mucosite orale ( 18, 14%, e 2, 2% ) e dolore ( 10, 8% e 13, 10% ).

I tre eventi avversi gravi più comuni, che hanno rappresentato 111 di tutti i 285 eventi avversi gravi registrati ( 39% ), sono stati neutropenia febbrile ( 27 su 155 eventi avversi gravi, 17%, nei ​​pazienti trattati con Doxorubicina e 15 su 130 eventi avversi gravi, 12%, nei pazienti trattati con Gemcitabina e Docetaxel ), febbre ( 18, 12%, e 19, 15% ) e neutropenia ( 22, 14%, e 10, 8%).
154 su 257 pazienti ( 60% ) sono deceduti nella popolazione intention-to-treat: 74 su 129 pazienti ( 57% ) nel gruppo Doxorubicina e 80 su 128 ( 63% ) nel gruppo Gemcitabina e Docetaxel.

Nessun decesso è stato correlato al trattamento, ma 2 decessi erano dovuti a una combinazione di progressione della malattia e trattamento.

La Doxorubicina dovrebbe rimanere il trattamento standard di prima linea per la maggior parte dei pazienti con sarcoma dei tessuti molli avanzato.
Questi risultati forniscono evidenze da considerare quando si seleziona il trattamento di prima linea per il sarcoma dei tessuti molli localmente avanzato o metastatico. ( Xagena2017 )

Seddon B et al, Lancet Oncology 2017; 18: 1397-1410

Onco2017 Farma2017


Indietro