Lung Unit
Tumore Uroteliale
OncoGeriatria
OncoGinecologia

Inibitori PD-1: Pembrolizumab, elevata risposta nei pazienti con tumore del polmone non-a-piccole cellule con alta espressione di PD-L1


Nello studio di fase I KEYNOTE-001 il trattamento con Pembrolizumab ( Keytruda ), un inibitore PD-1, ha prodotto un tasso di risposta globale ( ORR ) del 45.2% in una coorte di pazienti con tumore del polmone non-a-piccole cellule ( NSCLC ) con alta espressione di PD-L1.

Indipendentemente dall’espressione di PD-L1, Pembrolizumab ha dimostrato di essere sicuro ed efficace, con un ORR di quasi il 20% in tutta la popolazione di studio.

Lo studio KEYNOTE-001 ha arruolato 495 pazienti precedentemente trattati o naïve ( mai trattati ) con tumore NSCLC avanzato o metastatico.

Pembrolizumab è stato somministrato in tre diversi dosaggi: 2 mg/kg ogni tre settimane, 10 mg/kg ogni tre settimane, o 10 mg/kg ogni 2 settimane.

Le risposte dei pazienti sono state valutate ogni 9 settimane.

In tutta la popolazione di studio, il tasso di risposta globale è stato del 19.4% e la sopravvivenza globale e libera da progressione mediana è stata, rispettivamente, di 12.0 e 3.7 mesi.
La durata mediana della risposta è stata di 12.4 mesi.

Nel gruppo di validazione, i ricercatori sono stati in grado di valutare l'espressione di PD-L1 in 204 pazienti in trattamento.
I pazienti sono stati divisi in tre gruppi, a seconda che avessero espressione di PD-L1 sulla membrana delle cellule tumorali maggiore o uguale al 50% ( n = 73 ), 1-49% ( n = 103 ), o minore di 1% ( n = 28 ).

Il tasso di risposta globale nei tre gruppi è stato, rispettivamente, pari a 45.2%, 16.5% e 10.7%.
I risultati erano paragonabili ma leggermente migliori tra i pazienti che non avevano ricevuto una precedente terapia rispetto a coloro che erano stati trattati in precedenza.

Nel corso del AACR Meeting sono stati presentati i dati di sopravvivenza per 356 pazienti nella popolazione totale i cui livelli di PD-L1 erano valutabili.
Dopo un follow-up mediano di 10.9 mesi, la sopravvivenza globale non era ancora stata raggiunta nel gruppo con alti livelli di PD-L1 ( n = 119 ) ed era di 8.8 mesi in entrambi i gruppi con livelli PD-L1 intermedi ( n = 161 ) e bassi ( n = 76 ).
La sopravvivenza libera da progressione è stata pari a 6.3, 3.3, e 2.3 mesi nei tre gruppi, rispettivamente.
La durata della risposta è stata simile nelle tre coorti a 12.4 mesi, 10.3 mesi, e non ancora raggiunto.

Questa rappresenta la prima convalida indipendente che l'espressione di PD-L1 nei tumori è chiaramente un marker di risposta.

Nel complesso, Pembrolizumab è risultato tollerabile. Eventi avversi di grado maggiore o uguale a 3 si sono verificati nel 9% dei pazienti.
Eventi avversi immuno-correlati riportati nel 2% o più della popolazione sono stati: polmonite, ipotiroidismo, e reazioni da infusione.
La polmonite è stata la causa di morte di 1 paziente.

Pembrolizumab è già stato approvato per il trattamento del melanoma avanzato. Ha ricevuto da parte dell’Agenzia regolatoria statunitense ( FDA ) la designazione di terapia fortemente innovativa ( breakthrough therapy ) per i pazienti con tumore del polmone non-a-piccole cellule negativo per EGFR e per il riarrangiamento di ALK, la cui malattia è progredita o dopo chemioterapia a base di Platino. ( Xagena2015 )

Fonte: American Association for Cancer Research ( AACR ) Meeting, 2015

Pneumo2015 Onco2015 Farma2105


Indietro