Lung Unit
Novartis
BMS
OncoGeriatria

La terapia di mantenimento di Rucaparib può essere di beneficio per alcuni pazienti con carcinoma pancreatico avanzato


I dati provvisori di uno studio di fase 2 hanno evidenziato per i pazienti con carcinoma pancreatico avanzato con mutazioni BRCA o PALB2, sensibile alla chemioterapia a base di Platino, risposte cliniche sostenute al trattamento di mantenimento con Rucaparib ( Rubraca ).
Rucaparib, un inibitore PARP [ poli (ADP-ribosio) polimerasi ], è apparso ben tollerato in questo sottogruppo di pazienti.

I pazienti con mutazioni BRCA o PALB2 nel cancro del pancreas hanno una buona risposta alla chemioterapia al Platino.
Questi pazienti possono essere sottoposti a chemioterapia per mesi, a volte per anni.
Tuttavia, il trattamento chemioterapico continuo è associato a tossicità con diminuzione della qualità di vita.
Si è pensato di utilizzare la chemioterapia come induzione, e di instaurare una strategia di mantenimento a bassa tossicità.

Ricercatori hanno elaborato uno studio in fase 2, a braccio singolo, che prevede l'arruolamento di 42 pazienti con carcinoma pancreatico avanzato e mutazioni di BRCA o PALB2 nella linea germinale o somatica, che hanno subìto almeno 4 mesi di chemioterapia a base di Platino senza progressione della malattia.

L'analisi provvisoria non-pianificata includeva 19 pazienti ( età mediana, 61 anni; range, 35-81; 84% donne ) valutabili per la sopravvivenza libera da progressione ( PFS ).
Questi pazienti presentavano mutazioni di BRCA1 nella linea germinale ( n = 13 ), BRCA2 nella linea germinale ( n = 3 ), PALB2 nella linea germinale ( n = 2 ) e BRCA2 nella linea somatica ( n = 1 ).

I pazienti hanno ricevuto una mediana di 4 mesi ( range, 0.5-32 ) di precedente chemioterapia a base di Platino per malattia avanzata.

La tossicità o la reazione allergica hanno impedito a 4 pazienti su 19 di completare 4 mesi completi di chemioterapia a base di Platino.
Due dei 19 pazienti non presentavano malattia misurabile al momento dell'arruolamento.

I partecipanti allo studio hanno ricevuto 300 mg di Rucaparib per via orale due volte al giorno fino a progressione della malattia o a tossicità intollerabile.

La sopravvivenza libera da progressione è stata utilizzata come endpoint principale. E' stato anche valutato il tasso di risposta globale ( ORR ).

Con un follow-up mediano potenziale di 257 giorni, i risultati hanno mostrato una sopravvivenza mediana senza progressione di 9.1 mesi dall'inizio di Rucaparib.

E' stato riportato un tasso di risposte globali del 36.8%, tra cui 6 risposte parziali e 1 risposta completa.
I responder comprendevano 4 pazienti con mutazioni di BRCA2 della linea germinali, 2 pazienti con mutazioni di PALB2 nella linea germinale e 1 paziente con una mutazione di BRCA2 nella linea somatica.

Il tasso di controllo della malattia ( risposta completa più risposta parziale più malattia stabile ) è stato dell'89.5% per un minimo di 8 settimane.

Nel corso di un follow-up a 2 mesi dopo l'inizio del trattamento, due pazienti ( 10.5% ) hanno mostrato progressione della malattia.

All'analisi ad interim, 8 pazienti erano in terapia con Rucaparib per più di 6 mesi ( 13 mesi ) e 2 pazienti erano in terapia oltre 1 anno ( 15 mesi ).

Non è stata osservata alcuna tossicità dose-limitante associata a Rucaparib. Gli eventi avversi più comuni includevano nausea ( grado 1, 46%, grado 2, 4.2% ), disgeusia ( grado 1, 33.3% ) e affaticamento ( grado 1, 25% ).
La nausea ha richiesto una riduzione della dose in 1 paziente. ( Xagena2019 )

Fonte: American Association for Cancer Research ( AACR ) Annual Meeting, 2019

Onco2019 Gastro2019 Farma2019


Indietro