Roche Oncologia
BMS
Cortinovis SCLC 2021
Novartis

Linifanib versus Sorafenib nel carcinoma epatocellulare avanzato


Uno studio in aperto di fase III ha valutato l'efficacia e la tollerabilità di Linifanib rispetto a Sorafenib [ Nexavar ] in pazienti con carcinoma epatocellulare ( HCC ) senza terapia sistemica precedente.

I pazienti sono stati assegnati in modo casuale a Linifanib 17.5 mg una volta al giorno oppure a Sorafenib 400 mg 2 volte al giorno.

I pazienti sono stati stratificati per regione ( fuori dall’Asia, Giappone e resto dell'Asia ), punteggio di prestazione ECOG 0 o 1 ( Eastern Cooperative Oncology Group ), invasione vascolare o diffusione extraepatica ( presente o assente ) e infezione da virus dell'epatite B ( HBV; presente o assente ).

L'endpoint primario dello studio era la sopravvivenza globale ( OS ).
Gli endpoint secondari erano il tempo alla progressione ( TTP ) e il tasso di risposta obiettiva ( ORR ) per RECIST v1.1.

Sono stati assegnati in modo casuale 1.035 pazienti ( età media, 60 anni; asiatici, 66.6%; ECOG PS 0, 65.2%; HBV, 49.1%; invasione vascolare o diffusione extraepatica, 70.1% ).

La sopravvivenza mediana globale è stata di 9.1 mesi nel braccio Linifanib e 9.8 mesi nel braccio Sorafenib ( hazard ratio, HR=1.046 ).

Per sottogruppi prespecificati di stratificazione, l’hazard ratio di sopravvivenza globale è variato da 0.793 a 1.119.

Il tempo mediano alla progressione è stato pari a 5.4 mesi nel braccio Linifanib e 4.0 mesi nel braccio Sorafenib ( P=0.001 ).

Il miglior tasso di risposta è stato del 13.0% nel braccio Linifanib rispetto a 6.9% nel braccio Sorafenib.

Eventi avversi di grado 3/4, gravi eventi avversi ed eventi avversi che hanno portato a sospensione dello studio, interruzione della dose e riduzione della dose sono stati più frequenti con Linifanib ( tutti P minore di 0.001 ).

In conclusione, Linifanib e Sorafenib hanno presentato una sopravvivenza globale simile nell’epatocarcinoma in fase avanzata.
I limiti predefiniti di superiorità e di non-inferiorità riguardanti la sopravvivenza globale non sono stati rispettati per Linifanib e lo studio non è riuscito a soddisfare l'endpoint primario.
Il tempo alla progressione e il tasso di risposta obiettivo erano a favore di Linifanib; i risultati di sicurezza hanno favorito Sorafenib. ( Xagena2015 )

Cainap C et al, J Clin Oncol 2015;33:172-179

Gastro2015 Onco2015 Farma2015


Indietro