Novartis
Roche Oncologia
BMS
Cortinovis SCLC 2021

Lurbinectedina come trattamento di seconda linea per pazienti con tumore polmonare a piccole cellule


Esistono poche opzioni per il trattamento di pazienti con tumore polmonare a piccole cellule ( SCLC ) dopo fallimento della terapia di prima linea.
La Lurbinectedina ( Zepsyre ) è un inibitore selettivo della trascrizione oncogenica.
In uno studio di fase 2, sono state valutale l’attività e la sicurezza della Lurbinectedina nei pazienti con tumore SCLC dopo fallimento della chemioterapia a base di Platino.

In uno studio di fase 2 a braccio singolo, in aperto, sono stati reclutati pazienti da 26 ospedali in sei Paesi europei e negli Stati Uniti.
Sono stati ammessi adulti di età a partire da 18 anni con diagnosi patologicamente comprovata di tumore SCLC, ECOG performance status di 2 o inferiore, malattia misurabile secondo i criteri RECIST di risposta nei tumori solidi versione 1.1, assenza di metastasi cerebrali, adeguata funzionalità degli organi, e pretrattati con una sola precedente linea di trattamento contenente chemioterapia, almeno 3 settimane prima dell'inizio dello studio.

Il trattamento consisteva in 3.2 mg/m2 di Lurbinectedina somministrata per infusione endovenosa di 1 ora ogni 3 settimane fino a progressione della malattia o tossicità inaccettabile.

L'esito primario era la percentuale di pazienti con una risposta complessiva ( risposta completa o parziale ) valutata secondo i criteri RECIST 1.1.
Tutti i pazienti trattati sono stati analizzati per attività e sicurezza.

Tra il 2015 e il 2019, 105 pazienti sono stati arruolati e trattati con Lurbinectedina.
Il follow-up mediano è stato di 17.1 mesi.

La risposta complessiva secondo la valutazione dello sperimentatore è stata osservata in 37 pazienti ( 35.2% ).

Gli eventi avversi di grado 3-4 più comuni, indipendentemente dalla causalità, sono stati anomalie ematologiche, ovvero anemia ( 9 pazienti, 9% ), leucopenia ( 30, 29% ), neutropenia ( 48, 46% ) e trombocitopenia ( 7, 7% ).

Si sono verificati eventi avversi gravi correlati al trattamento in 11 pazienti ( 10% ), e la neutropenia e la neutropenia febbrile sono stati i più comuni ( 5 pazienti, 5%, per ciascuno ).

Non sono stati riportati decessi correlati al trattamento.

Lurbinectedina è attivo come terapia di seconda linea per carcinoma al polmone a piccole cellule in termini di risposta globale, e presenta un profilo di sicurezza accettabile e gestibile.
La Lurbinectedina potrebbe rappresentare un potenziale nuovo trattamento per i pazienti con tumore SCLC, che hanno poche opzioni soprattutto in caso di recidiva, ed è studiata in combinazione con la Doxorubicina come terapia di seconda linea in uno studio randomizzato di fase 3. ( Xagena2020 )

Trigo J et al, Lancet Oncology 2020; 21: 645-654

Pneumo2020 Onco2020 Farma2020


Indietro