Roche Oncologia
BMS
Lung Unit
Novartis

Mesotelioma pleurico avanzato precedentemente trattato: Dovitinib scarsamente efficace


In seguito al fallimento di un regime di combinazione con Platino - antifolato, non esiste una terapia standard per il mesotelioma pleurico maligno avanzato.
Le vie di segnalazione del recettore del fattore di crescita dei fibroblasti ( FGFR ) possono essere un obiettivo rilevante per il mesotelioma pleurico maligno.

Dovitinib è un inibitore multichinasi del recettore della tirosina, prevalentemente i recettori del fattore di crescita dell'endotelio vascolare ( VEGFR ), ma anche FGFR, e potrebbe essere attivo nel mesotelioma pleurico maligno.

Uno studio multicentrico di fase II in aperto ha arruolato pazienti adulti con mesotelioma pleurico maligno in stadio avanzato che avevano precedentemente ricevuto chemioterapia combinata con Platino e antifolato e fino a una linea aggiuntiva di terapia sistemica.

Dovitinib è stato somministrato per via orale alla dose di 500 mg/die per 5 giorni, con 2 giorni di riposo, in cicli di 28 giorni.
La risposta è stata valutata ogni 2 cicli utilizzando i criteri RECIST 1.1 modificati per il mesotelioma pleurico maligno.

Studi di correlazione hanno incluso l'amplificazione di FGFR-1 su campioni di archivio di siero e di tessuto tumorale per i fattori di angiogenesi circolanti.

L'endpoint primario era la percentuale di pazienti liberi da progressione a 3 mesi ( PF3 ).

Sono stati arruolati 12 pazienti ( 10 maschi, età media 67 anni ). Il numero medio di cicli somministrati era 2.5.

È stata osservata una risposta parziale non-confermata.

La percentuale di pazienti senza progressione a 3 mesi è stata del 50%.

Sebbene il criterio per procedere con l'arruolamento per lo stadio II fosse stato raggiunto, lo studio è stato interrotto a causa di una combinazione di attività minima con diversi eventi di progressione precoce e scarsa tollerabilità in questa popolazione di pazienti.

Uno dei 12 campioni di tumore aveva una bassa amplificazione di FGFR-1.

In conclusione, Dovitinib ha un'attività minima nel mesotelioma pleurico maligno precedentemente trattato.
Il ruolo della via FGFR nel mesotelioma pleurico maligno rimane non ben definito. ( Xagena2017 )

Laurie SA et al, Lung Cancer 2017; 104: 65-69

Onco2017 Pneumo2017 Farma2017


Indietro