Lung Unit
Roche Oncologia
BMS
Novartis

Mortalità da tumore tra coloro che ricevono trapianto di organo solido


I destinatari di trapianto di organi solidi sono a maggior rischio di sviluppare alcuni tipi di cancro rispetto alla popolazione generale; tuttavia, poiché anche loro sono ad aumentato rischio di mortalità per cause non-oncologiche, l'effetto del trapianto sulla mortalità per tumore non è chiaro.

È stata descritta la mortalità per cancro tra i riceventi di trapianto di organi solidi, e si è valutato se coloro che ricevono un trapianto di organi solidi sono ad aumentato rischio di mortalità per tumore rispetto alla popolazione generale in uno studio di coorte basato sulla popolazione di pazienti sottoposti a trapianto d'organo in Ontario, Canada, tra il 1991 e il 2010 con 85.557 anni-persona di follow-up fino al 2011.
Il trapianto d'organo solido è stato identificato utilizzando il Registro nazionale dei trapianti. L'analisi è stata condotta tra il 2013 e il 2015.

La mortalità per tumore per coloro che hanno ricevuto trapianto di organo solidi è stata confrontata con quella della popolazione generale utilizzando i rapporti standardizzati di mortalità ( SMR ).
La mortalità e le cause di morte sono state accertate dai Registri canadesi.

Sono stati identificati in totale 11.061 riceventi trapianti di organi solidi, tra cui 6.516 rene, 2.606 fegato, 929 cuore, e 705 polmoni.
I destinatari avevano un'età mediana di 49 anni, e 4.004 ( 36.2% ) erano donne.
Tra i 3.068 decessi, 603 ( 20% ) erano correlati al cancro.

La mortalità per cancro nei riceventi il trapianto di organo solidi è stata significativamente elevata rispetto alla popolazione dell’Ontario ( SMR=2.84 ).

Il rischio è rimasto elevato quando sono stati esclusi i pazienti con neoplasie maligne pre-trapianto ( n=1.124 ) ( SMR=1.93 ).

L'aumento del rischio è stato osservato indipendentemente dall’organo trapiantato.

I rapporti di mortalità standardizzati per morte per cancro dopo trapianto d'organo sono risultati maggiori nei bambini ( SMR=84.61 ) e più bassi nei pazienti di età superiore a 60 anni ( SMR=1.88 ) ma è rimasto elevato rispetto alla popolazione generale a tutte le età.

In conclusione, il tasso di mortalità per tumore nei riceventi il trapianto d’organo solido è aumentato rispetto a quello atteso nella popolazione generale; il cancro è la seconda causa di morte in questi pazienti.
Progressi nella prevenzione, sorveglianza clinica, e modalità di trattamento del tumore per coloro che sono sottoposti a trapianto di organo solido sono necessari per ridurre l’entità della mortalità di natura oncologica in questa popolazione. ( Xagena2016 )

Acuna SA et al, JAMA Oncol 2016; 2: 463-469

Onco2016 Nefro2016 Gastro2016 Cardio2016 Pneumo2016



Indietro