Novartis
Lung Unit
BMS
Roche Oncologia

NBTXR3, una nanoparticella di Ossido di Afnio radio-enhancer, più la radioterapia versus sola radioterapia nei pazienti con sarcoma dei tessuti molli localmente avanzato: studio Act.In.Sarc


La risposta patologica completa al trattamento preoperatorio negli adulti con sarcoma dei tessuti molli può essere raggiunta solo in pochi pazienti sottoposti a radioterapia.
Uno studio di fase 2-3 ha valutato la sicurezza e l'efficacia della nanoparticella di Ossido di Afnio ( HfO2 ) NBTXR3 attivata dalla radioterapia rispetto alla sola radioterapia come trattamento preoperatorio in pazienti con sarcoma dei tessuti molli localmente avanzato.

Act.In.Sarc è uno studio internazionale randomizzato, multicentrico, di fase 2-3. Sono stati inclusi adulti di età a partire da 18 anni con sarcoma dei tessuti molli delle estremità o della parete del tronco localmente avanzato, di qualsiasi grado istologico, e che richiedevano la radioterapia preoperatoria.
I pazienti dovevano avere un WHO performance status di 0-2 e un'aspettativa di vita di almeno 6 mesi.

I pazienti sono stati assegnati in modo casuale a ricevere NBTXR3 ( volume corrispondente al 10% del volume del tumore al basale a una concentrazione fissa di 53.3 g/l ) come singola somministrazione intratumorale prima della radioterapia preoperatoria a raggi esterni ( 50 Gy in 25 frazioni ) o radioterapia da sola, seguita da chirurgia.
La randomizzazione è stata stratificata per sottotipo istologico ( liposarcoma mixoide versus altri ).

L'endpoint primario era la proporzione di pazienti con una risposta patologica completa, valutata da un Comitato centrale di revisione patologica seguendo le linee guida della EORTC ( European Organisation for Research and Treatment of Cancer ) nel set completo di analisi della popolazione intention-to-treat.
Sono state condotte analisi di sicurezza in tutti i pazienti che hanno ricevuto almeno una iniezione di NBTXR3 o almeno una dose di radioterapia.

Tra il 2015 e il 2017, 180 pazienti idonei sono stati arruolati e assegnati in modo casuale e 179 hanno iniziato il trattamento: 89 nel gruppo NBTXR3 più radioterapia e 90 nel gruppo sola radioterapia.
Due pazienti nel gruppo NBTXR3 e un paziente nel gruppo di radioterapia sono stati esclusi dall'analisi di efficacia perché successivamente scoperti come non-ammissibili; quindi, in totale 176 pazienti sono stati analizzati per l'endpoint primario nel set completo di analisi per intention-to-treat ( 87 nel gruppo NBTXR3 e 89 nel gruppo sola radioterapia ).

Una risposta patologica completa è stata osservata in 14 pazienti su 87 ( 16% ) nel gruppo NBTXR3 e 7 su 89 ( 8% ) nel gruppo sola radioterapia ( P=0.044 ).

In entrambi i gruppi di trattamento, l'evento avverso emergente dal trattamento di grado 3-4 più comune è stata la complicazione della ferita postoperatoria ( 8 su 89 pazienti, 9%, nel gruppo NBTXR3 e 8 su 90, 9%, nel gruppo solo radioterapia ).
Gli eventi avversi di grado 3-4 più comuni correlati alla somministrazione di NBTXR3 sono stati dolore al sito di iniezione ( 4 su 89, 4% ) e ipotensione ( 4, 4% ) e gli eventi avversi di grado 3-4 più comuni correlati alla radioterapia sono stati lesioni cutanee da radiazioni in entrambi i gruppi ( 5 su 89, 6%, nel gruppo NBTXR3 e 4 su 90, 4%, nel gruppo solo radioterapia ).

L'evento avverso di grado 3-4 emergente dal trattamento più comune correlato a NBTXR3 è stata l'ipotensione ( 6 su 89 pazienti, 7% ).
Sono stati osservati eventi avversi gravi in ​​35 ( 39% ) su 89 pazienti nel gruppo NBTXR3 e 27 su 90 pazienti ( 30% ) nel solo gruppo radioterapia.

Non si sono verificati decessi correlati al trattamento.

Questo studio convalida la modalità di azione di questa nuova classe di radio-enhancer, potenzialmente aprendo un ampio campo di applicazioni cliniche nel sarcoma dei tessuti molli e probabilmente in altri tumori. ( Xagena2019 )

Bonvalot S et al, Lancet Oncology 2019; 20: 1148-1159

Onco2019 Farma2019


Indietro