Lung Unit
Tumore Uroteliale
OncoGeriatria
OncoGeriatria

Nintedanib più Pemetrexed e Cisplatino nei pazienti con mesotelioma pleurico maligno


LUME-Meso è uno studio randomizzato in doppio cieco di fase II/III, progettato per valutare l'efficacia e la sicurezza di Nintedanib ( Ofev ) più chemioterapia come trattamento di prima linea del mesotelioma pleurico maligno.

Sono qui riportati i risultati di fase II.

Pazienti naive alla chemioterapia con mesotelioma pleurico maligno non-resecabile non-sarcomatoide ( ECOG performance status da 0 a 1 ), stratificati per istologia ( epitelioide o bifasica) , sono stati assegnati in modo casuale fino a 6 cicli di Pemetrexed e Cisplatino più Nintedanib ( 200 mg due volte al giorno ) oppure placebo seguiti da Nintedanib più placebo in monoterapia fino a progressione.

L'endpoint primario era la sopravvivenza libera da progressione ( PFS ).

Sono stati assegnati in modo casuale 87 pazienti. Il numero mediano di cicli di Pemetrexed e Cisplatino è stato di 6; la durata mediana del trattamento con Nintedanib è stata di 7.8 mesi e di 5.3 mesi con il placebo.

La sopravvivenza libera da progressione primaria ha favorito Nintedanib ( hazard ratio, HR=0.56, P=0.017 ), dato che è stato confermato nelle analisi aggiornate sulla sopravvivenza libera da progressione ( HR=0.54, P=0.010 ).

Una tendenza verso una migliore sopravvivenza globale ha favorito anche Nintedanib ( HR=0.77, P=0.319 ).

Il beneficio è stato evidente nell'istologia epitelioide, con un guadagno mediano di sopravvivenza complessiva di 5.4 mesi ( HR=0.70, P=0.197; mediano Nintedanib vs placebo, 20.6 mesi vs 15.2 mesi ) e un guadagno mediano di PFS di 4.0 mesi ( HR=0.49, P=0.006; mediano Nintedanib vs placebo, 9.7 vs 5.7 mesi ).

La neutropenia è stata l'evento avverso di grado 3 o superiore più frequente ( eventi avversi: Nintedanib 43.2% vs placebo 12.2% ); i tassi di neutropenia febbrile sono stati bassi ( 4.5% nel gruppo Nintedanib vs 0% nel gruppo placebo ).
Gli eventi avversi che hanno portato all'interruzione del trattamento sono stati riportati nel 6.8% dei soggetti trattati con Nintedanib rispetto al 17.1% di quelli nel gruppo placebo.

In conclusione, l'aggiunta di Nintedanib a Pemetrexed più Cisplatino ha portato a un miglioramento della sopravvivenza libera da progressione.
Gli eventi avversi sono risultati gestibili.
Il beneficio clinico è stato evidente nei pazienti con istologia epitelioide.
La parte di fase III di conferma dello studio è in corso. ( Xagena2017 )

Grosso F et al, J Clin Oncol 2017; 35: 3591-3600

Pneumo2017 Onco2017 Farma2017


Indietro