Gilead Banner
Natera Banner
Bayer Banner
Tumore prostata

Nivolumab associato a Tacrolimus e a Prednisone con o senza Ipilimumab per pazienti sottoposti a trapianto di rene con tumori cutanei avanzati


I tassi di mortalità correlata a tumore tra i riceventi trapianto di rene ( KTR ) sono elevati, ma questi pazienti sono stati in gran parte esclusi dagli studi sugli inibitori del checkpoint immunitario a causa dell’immunosoppressione e del rischio di perdita dell’allotrapianto correlata al trattamento ( TRAL ).

È stato condotto uno studio clinico prospettico testando Nivolumab ( Opdivo ) + Tacrolimus + Prednisone con o senza Ipilimumab ( Yervoy ) in riceventi trapianto di rene con tumori cutanei avanzati.

Erano ammissibili riceventi trapianto di rene adulti con melanoma avanzato o carcinomi basali, cutanei squamosi o a cellule di Merkel.

L’immunosoppressione è risultata standardizzata con Tacrolimus ( sierica a valle 2-5 ng/ml ) più Prednisone 5 mg una volta al giorno.
I pazienti hanno poi ricevuto Nivolumab 480 mg per via endovenosa una volta ogni 4 settimane.

L'endpoint primario composito era la risposta parziale o completa ( CR ) tumorale o la malattia stabile secondo i criteri RECIST versione 1.1 senza perdita di allotrapianto a 16 settimane.

I pazienti con malattia progressiva ( PD ) potevano ricevere Ipilimumab 1 mg/kg per via endovenosa più Nivolumab 3 mg/kg una volta ogni 3 settimane x 4 seguito da Nivolumab.

I livelli di DNA libero da cellule derivato da donatore ( dd-cfDNA ) sono stati misurati circa una volta ogni 2 settimane come potenziale predittore del rigetto dell'allotrapianto.

Tra gli 8 pazienti valutabili, nessuno ha raggiunto l'endpoint primario dello studio. Tutti gli 8 pazienti hanno manifestato malattia progressiva con Nivolumab + Tacrolimus + Prednisone; la perdita dell’allotrapianto correlata al trattamento si è verificata in un paziente. 6 pazienti hanno poi ricevuto Ipilimumab + Nivolumab + Tacrolimus + Prednisone.

Migliori risposte complessive: 2 risposte complete ( una con perdita dell’allotrapianto correlata al trattamento ) e 4 malattie progressive ( una con perdita dell’allotrapianto correlata al trattamento ).

In totale, 7 su 8 biopsie tumorali pre-Nivolumab contenevano una scarsità di cellule immunitarie infiltranti.
In totale, 2 su 5 biopsie effettuate con Nivolumab hanno dimostrato infiltrati immunitari moderati; entrambi i pazienti hanno successivamente manifestato una risposta completa a Ipilimumab più Nivolumab.

In 2 pazienti su 3 affetti da perdita dell’allotrapianto correlata al trattamento, gli aumenti di DNA libero da cellule derivato da donatore si sono verificati 10 e 15 giorni prima degli aumenti della creatinina sierica.

Nella maggior parte dei riceventi trapianto di rene con tumore cutaneo avanzato, Tacrolimus più Prednisone ha fornito una protezione insufficiente dell'allotrapianto e ha compromesso la regressione del tumore immunomediata dopo la somministrazione di Nivolumab con o senza Ipilimumab.

Livelli elevati di DNA libero da cellule derivato da donatore possono segnalare il rigetto dell’allotrapianto correlato al trattamento prima dell’aumento della creatinina sierica. ( Xagena2024 )

Schenk KM et al, J Clin Oncol 2024; 42: 1011-1020

Nefro2024 Uro2024 Dermo2024 Onco2024 Farma2024



Indietro