Roche Oncologia
Novartis
Oncologia Morabito
OncoHub

Nivolumab e Ipilimumab nel melanoma uveale metastatico


Il melanoma uveale metastatico è associato a una ridotta sopravvivenza globale ( OS ) e nessuna opzione terapeutica sistemica approvata.
Gli studi sui regimi di immunoterapia con agente singolo hanno mostrato un beneficio minimo.
Esiste il potenziale per migliorare le risposte con l'uso dell'immunoterapia di combinazione.

È stato condotto uno studio di fase II di Nivolumab ( Opdivo ) con Ipilimumab ( Yervoy ) in pazienti con melanoma uveale metastatico.
Era consentito un numero qualsiasi di trattamenti precedenti.
I pazienti hanno ricevuto Nivolumab 1 mg/kg e Ipilimumab 3 mg/kg per quattro cicli, seguiti da una terapia di mantenimento con Nivolumab fino a 2 anni.

L'esito primario dello studio era il tasso di risposta globale ( ORR ) determinato dai criteri RECIST 1.1.
Sono stati valutati anche la sopravvivenza libera da progressione ( PFS ), la sopravvivenza globale e gli eventi avversi.

Sono stati arruolati 35 pazienti e 33 erano valutabili per l'efficacia.

Il tasso di risposta globale è stato del 18%, inclusa 1 risposta completa confermata e 5 risposte parziali confermate.
La sopravvivenza mediana senza progressione è stata di 5.5 mesi e la sopravvivenza globale mediana è stata di 19.1 mesi.

Il 40% dei pazienti ha manifestato un evento avverso di grado 3-4 correlato al trattamento.

Il regime di combinazione di Nivolumab più Ipilimumab ha dimostrato attività nel melanoma uveale metastatico, con risposte confermate profonde e sostenute. ( Xagena2021 )

Pelster MS et al, J Clin Oncol 2021; 39: 599-607

Oftalm2021 Onco2021 Farma2021


Indietro