Oncologia Morabito
Novartis
Roche Oncologia
OncoHub

Nivolumab più Ipilimumab nei pazienti con melanoma avanzato: sopravvivenza, risposta e sicurezza


L'attività clinica osservata in uno studio di aumento della dose di fase I della terapia concomitante con Nivolumab ( Opdivo ) e Ipilimumab ( Yervoy ) nei pazienti con melanoma avanzato precedentemente trattato o non-trattato ha portato al successivo sviluppo clinico, compresi studi randomizzati.
Sono stati riportati i dati di follow-up a lungo termine dallo studio CA209-004, inclusa la sopravvivenza globale ( OS ) a 3 anni.

Le coorti simultanee 1, 2, 2a e 3 hanno ricevuto dosi crescenti di Nivolumab più Ipilimumab una volta ogni 3 settimane per 4 dosi, seguite da Nivolumab una volta ogni 3 settimane per 4 dosi, poi Nivolumab più Ipilimumab una volta ogni 12 settimane per 8 dosi.

Una coorte di espansione ( coorte 8 ) ha ricevuto in modo concomitante Nivolumab 1 mg/kg più Ipilimumab 3 mg/kg una volta ogni 3 settimane per 4 dosi, seguito da Nivolumab 3 mg/kg una volta ogni 2 settimane, che è la dose e il programma utilizzato negli studi di fase II e III e ora approvato per i pazienti con melanoma non-resecabile o metastatico.

Tra tutte le coorti concorrenti ( n=94 ) a un follow-up da 30.3 a 55.0 mesi, la percentuale di sopravvivenza globale a 3 anni è stata del 63% e la sopravvivenza globale mediana non è stata raggiunta.
Il tasso di risposta obiettiva secondo i criteri WHO modificati è stato del 42% e la durata mediana della risposta è stata di 22.3 mesi.

L'incidenza di eventi avversi di grado 3 e 4 correlati al trattamento è stata del 59%.
I più comuni eventi avversi correlati al trattamento di grado 3 e 4 sono stati aumento della lipasi ( 15% ), dell'alanina aminotransferasi [ ALT ] ( 12% ) e dell'aspartato aminotransferasi [ AST ] ( 11% ).
Un decesso correlato al trattamento ( 1.1% ) si è verificato in un paziente con insufficienza multiorgano 70 giorni dopo l'ultima dose di Nivolumab più Ipilimumab.

In conclusione, questo è il più lungo follow-up per la terapia di combinazione di Nivolumab più Ipilimumab in pazienti con melanoma avanzato.
La percentuale di sopravvivenza libera a 3 anni del 63% è la più alta osservata per questa popolazione di pazienti e ha fornito ulteriore evidenza della durevole attività clinica degli inibitori del checkpoint immunitario nel trattamento del melanoma avanzato. ( Xagena2018 )

Callahan MK et al, J Clin Oncol 2018; 36: 391-498

Onco2018 Dermo2018 Farma2018





Indietro