Lung Unit
Tumore Uroteliale
Tumore rene
Tumori GenitoUrinari

Pazopanib associato a Paclitaxel può aumentare la sopravvivenza nel carcinoma uroteliale refrattario


Uno studio di fase 2 ha mostrato che la combinazione di Pazopanib ( Votrient ) e Paclitaxel hanno indotto tassi di risposta più elevati e hanno esteso la sopravvivenza rispetto ad altri regimi di seconda linea nel carcinoma uroteliale recidivato o refrattario.

I pazienti con carcinoma uroteliale trattati con chemioterapia a base di Platino raggiungono una sopravvivenza mediana libera da progressione di circa 8 mesi, e la sopravvivenza globale a 5 anni è di circa il 15%. Pertanto, la maggior parte dei pazienti richiedono una terapia aggiuntiva, ma non esiste alcuna terapia standard.

La combinazione di Pazopanib, un inibitore della tirosin-chinasi, con Paclitaxel settimanale ha prodotto esiti favorevoli in uno studio di fase 1 in pazienti con tumori solidi avanzati.

E’stato, pertanto, condotto uno studio di fase 2 per valutare la combinazione in 28 pazienti con tumore uroteliale refrattario.

Tutti i pazienti avevano tumore uroteliale refrattario con progressione della malattia dopo due precedenti regimi chemioterapici.

I pazienti hanno ricevuto una mediana di quattro cicli di 80 mg/m² di Paclitaxel nei giorni 1, 8 e 15 di ciascun ciclo di 28 giorni, e 800 mg/die di Pazopanib per os.

L'endpoint primario era rappresentato dal tasso di risposta obiettiva ( ORR ). Gli endpoint secondari comprendevano sopravvivenza libera da progressione, sopravvivenza globale e sicurezza.

Tre pazienti hanno raggiunto risposta completa e 12 pazienti hanno raggiunto una risposta parziale, pari a un ORR del 54% ( IC 95%, 33.9-72.5 ). Undici pazienti hanno raggiunto una stabilizzazione della malattia e due pazienti hanno presentato malattia progressiva.

La sopravvivenza mediana libera da progressione è stata pari a 6.2 mesi ( IC 95%, 5.6-7.7 ) e la sopravvivenza mediana globale è stata di 10 mesi ( IC 95%, 5.7-16 ).

Il tasso di risposta e la sopravvivenza mediana sono risultati superiori a quelli osservati con i regimi di seconda linea esistenti.

Gli effetti collaterali più frequenti sono stati: affaticamento ( 63% ), diarrea ( 44% ), nausea / vomito ( 41% ) e neuropatia ( 24% ).
Le tossicità ematologiche erano comuni: anemia ( 69% ), trombocitopenia ( 47% ) e neutropenia ( 38% ).

Lo studio presenta alcune limitazioni, tra cui le piccole dimensioni del campione. ( Xagena2016 )

Fonte: Clinical Genitourinary Cancer, 2016

Uro2016 Onco2016 Farma2016


Indietro