Roche Oncologia
Novartis
Cortinovis SCLC 2021
Tumore prostata

Pazopanib nei tumori a cellule germinali in fase avanzata dopo fallimento della chemioterapia


Le opzioni terapeutiche per i pazienti con tumori a cellule germinali ( GCT ) chemioresitenti sono limitate.
Pazopanib ( Votrient ) è un inibitore selettivo della tirosin-chinasi con attività antiangiogenica distinta.

È stata valutata l'attività di Pazopanib nei pazienti con tumore a cellule germinali refrattario.

Nello studio in aperto, a singolo braccio, di fase 2, Pazotest, l'ammissibilità del paziente ha incluso il fallimento di due o più regimi basati sul Platino, e consentiva la precedente somministrazione di chemioterapia ad alto dosaggio.

Ai pazienti è stato somministrato Pazopanib 800 mg/die fino a progressione della malattia o all'insorgenza di tossicità inaccettabile.

Le misurazioni di marcatori tumorali sierici, la tomografia computerizzata e FDG-PET sono state effettuate al basale, dopo 4 settimane di Pazopanib e ogni 8 settimane successivamente.

La progressione della malattia è stata definita come livelli crescenti di marcatori tumorali sierici, aumento delle dimensioni delle masse non-teratomatose, o la comparsa di nuove lesioni.

L'endpoint primario dello studio era la sopravvivenza libera da progressione ( PFS, H0: 3 mesi PFS minore o uguale al 10%, H1: superiore o uguale al 25%, alfa= 5%, beta= 20% ).

Sono stati arruolati 43 pazienti dal 2013 al 2016. Il numero di precedenti regimi chemioterapici è stato: 2 ( 11.6% ), 3 ( 51.2% ), più di 3 ( 37.2% ).

Eventi avversi di grado 3 sono stati osservati in 6 pazienti ( 13.9% ).

Nel complesso, il 70.3% dei pazienti aveva ridotti livelli di marcatori tumorali sierici dopo 4 settimane.

Ci sono state 2 risposte parziali ( 4.7% ), 19 casi di malattia stabile e 16 casi di progressione della malattia ( 6 non-valutabili secondo i criteri RECIST ).

La durata media del follow-up è stata di 29.6 mesi.

La probabilità di sopravvivenza libera da progressione a 3 mesi è stata del 12.8%.

La probabilità di sopravvivenza globale a 24 mesi è stata del 14.2%.
Nei pazienti con una diminuzione maggiore del 50% dei marcatori tumorali sierici, la probabilità di sopravvivenza globale a 24 mesi è stata del 24.1%.

La principale limitazione era rappresentata dalla piccola dimensione del campione.

In conclusione, nonostante Pazopanib abbia dimostrato un'attività potente seppur di breve durata nel tumore a cellule germinale refrattario, la sopravvivenza a lungo termine è stata ottenuta in una proporzione di pazienti trattati.
Secondo la cinetica dell'attività di Pazopanib, questo farmaco può essere studiato in pazienti meno pretrattati come terapia ponte ottimale preceduta e/o combinata con la chemioterapia di salvataggio. ( Xagena2017 )

Necchi A et al, Ann Oncol 2017; 28: 1346-1351

Uro2017 Onco2017 Farma2017


Indietro