Cortinovis SCLC 2021
Roche Oncologia
BMS
Novartis

Pazopanib più Cetuximab nel carcinoma a cellule squamose del testa-collo recidivante o metastatico


L'angiogenesi è un segno distintivo del carcinoma a cellule squamose della testa e del collo ( HNSCC ) e un meccanismo di resistenza all'inibizione di EGFR.
Sono state studiate la sicurezza e l'attività potenziale di Pazopanib ( Votrient ), un inibitore dell'angiogenesi, più Cetuximab ( Erbitux ), un inibitore di EGFR, in pazienti con tumore HNSCC recidivante o metastatico.

È stato condotto uno studio di fase 1b in aperto, in un singolo Centro, di dose-escalation, seguito da una fase con coorte di espansione.
I partecipanti eleggibili erano pazienti con tumore a cellule squamose del testa-collo, recidivato o metastatico, confermato istologicamente o citologicamente, di almeno 18 anni di età, con malattia misurabile secondo i criteri RECIST versione 1.1, e un ECOG performance status di 0-1.

Durante l'incremento graduale del dosaggio ( escalation ) della dose, una sospensione orale di Pazopanib è stata somministrata giornalmente in cicli di 8 settimane a dosi di 200 mg/die, 400 mg/die, 600 mg/die o 800 mg/die, con Cetuximab somministrato per via endovenosa una volta alla settimana ( 400 mg/m2 come prima dose e 250 mg/m2 in cicli consecutivi ).

L'endpoint primario era determinare la dose massima tollerata o la dose di fase 2 raccomandata di Pazopanib in combinazione con Cetuximab.

Tra il 2013 e il 2017 sono stati arruolati 22 pazienti nella fase 1b di incremento del dosaggio.

Non è stata raggiunta una dose massima tollerata di Pazopanib in combinazione con Cetuximab.

Eventi tossici limitanti la dose tutti di grado 3 durante l'aumento della dose si sono verificati con Pazopanib 400 mg/die ( neutropenia con infezione ), 600 mg/die ( proteinuria ) e 800 mg/die ( affaticamento ).

La dose raccomandata stabilita di fase 2 per la combinazione è stata di 800 mg/die di Pazopanib durante i cicli di 8 settimane ciascuno, più Cetuximab 400 mg/m2 il giorno 1 del ciclo 1, quindi Cetuximab 250 mg/m2 settimanalmente.
Altri 9 pazienti sono stati arruolati nella coorte di espansione e trattati con la dose raccomandata di fase 2 stabilita.

Gli eventi avversi più comuni di grado 3-4 per tutti i pazienti sono stati ipertensione ( 10 su 31, 32% ), diminuzione della conta dei linfociti ( 7, 23% ) e disfagia ( 7, 23% ).

Non ci sono stati decessi correlati al trattamento.

11 su 31 pazienti (35%) hnno ottenuto una risposta globale; 2 (6%) hanno avuto una risposta completa e 9 (29%) una risposta parziale.

Le risposte del tumore sono state osservate anche in 6 su 11 pazienti (55%) con malattia naive al Platino e a Cetuximab, 3 su 12 pazienti (25%) con malattia resistente a Cetuximab e 5 su 18 pazienti (28%) con malattia resistente al Platino.

La somministrazione della sospensione orale di Pazopanib alla dose di 800 mg/die in combinazione con Cetuximab settimanale standard è stata possibile nei pazienti con carcinoma a cellule squamose del testa-collo, ricorrente o metastatico.
Una incoraggiante attività antitumorale è stata osservata con questa terapia combinata e richiede una ulteriore convalida in studi randomizzati. ( Xagena2018 )

Adkins D et al, Lancet Oncol 2018; 19: 1082-1093

Onco2018 Neuro2018 Farma2018


Indietro