Roche Oncologia
Cortinovis SCLC 2021
BMS
Novartis

Pegilodecakina combinato con Pembrolizumab o Nivolumab per pazienti con tumori solidi avanzati: studio IVY


L'interleuchina 10 ( IL-10 ) ha attività antinfiammatoria e stimolante le cellule T CD8+. La Pegilodecakina ( IL-10 pegilato ) è un agonista del recettore IL-10 di prima classe a lunga durata d'azione che induce l'espansione oligoclonale delle cellule T e ha attività di singolo agente nei tumori solidi avanzati.
Sono state valutate la sicurezza e l'attività della Pegilodecakina con inibitori dell'anticorpo monoclonale anti-PD-1 in pazienti con tumori solidi avanzati.

È stato condotto uno studio multicentrico, in aperto, di fase 1b IVY presso 12 centri di ricerca sul cancro negli Stati Uniti.
I pazienti sono stati assegnati in sequenza in coorti.

Sono stati riportati i risultati di tutti i pazienti arruolati da due coorti trattati con Pegilodecakina combinata con inibitori anti-PD-1.

I pazienti eleggibili avevano almeno 18 anni di età con tumori solidi maligni avanzati confermati istologicamente o citologicamente refrattari a precedenti terapie, e un ECOG performance status pari a 0 o 1.
I pazienti con malattie infettive incontrollate sono stati esclusi.

La Pegilodecakina è stata somministrata in fiale da 3 ml monouso ed è stata auto-somministrata per via sottocutanea per iniezione a casa a 10 microg/kg o 20 microg/kg una volta al giorno in associazione con Pembrolizumab [ Keytruda ] ( 2 mg/kg ogni 3 settimane o 200 mg ogni 3 settimane ) o Nivolumab [ Opdivo ] ( 3 mg/kg ogni 2 settimane o 240 mg ogni 2 settimane o 480 mg ogni 4 settimane alla dose approvata ), entrambi somministrati per via endovenosa nel sito di studio.

I pazienti hanno ricevuto Pembrolizumab o Nivolumab con Pegilodecakina fino a progressione della malattia, a tossicità che richiedeva interruzione del trattamento, alla revoca del consenso del paziente o alla fine dello studio.

Gli endpoint primari erano la sicurezza e la tollerabilità, valutate in tutti i pazienti arruolati nello studio che avevano ricevuto qualsiasi quantità di farmaco in studio, compresa almeno una dose di Pegilodecakina, e la farmacocinetica, precedentemente pubblicata.
Gli endpoint secondari includevano la risposta obiettiva mediante criteri di risposta immunocorrelati in tutti i pazienti che erano stati trattati e avevano misurazioni valutabili.

Tra il 2015 e il 2017, 111 pazienti sono stati arruolati nelle due coorti. 53 hanno ricevuto Pegilodecakina più Pembrolizumab e 58 hanno ricevuto Pegilodecakina più Nivolumab.
34 pazienti su 111 ( 31% ) presentavano tumore polmonare non-a-piccole cellule, 37 ( 33% ) avevano melanoma e 38 ( 34% ) avevano carcinoma a cellule renali; un paziente ( meno dell’1% ) aveva tumore mammario triplo negativo e uno ( meno dell’1% ) aveva un tumore vescicale.

Il cut-off dei dati è stato nel 2018. Il follow-up mediano è stato di 26.9 mesi per i pazienti con tumore polmonare non a piccole cellule, 33.0 mesi per quelli con melanoma e 22.7 mesi per quelli con carcinoma a cellule renali.

Almeno un evento avverso correlato al trattamento si è verificato in 103 pazienti su 111 ( 93% ).

Eventi di grado 3 o 4 si sono verificati in 73 pazienti su 111 ( 66% ) ( 35 su 53, 66%, nel gruppo Pembrolizumab e 38 su 58, 66%, nel gruppo Nivolumab ), i più comuni dei quali erano anemia ( 12, 23%, nel gruppo Pembrolizumab e 16, 28%, nel gruppo Nivolumab ), trombocitopenia ( 14, 26%, nel gruppo Pembrolizumab e 12, 21% nel gruppo Nivolumab ), affaticamento ( 11, 21%, nel gruppo Pembrolizumab e 6, 10%, nel gruppo Nivolumab ) e ipertrigliceridemia ( 3, 6%, nel gruppo Pembrolizumab e 8, 14%, nel gruppo Nivolumab ).

Non ci sono stati eventi avversi fatali correlati ai trattamenti di studio. Tra i pazienti valutabili per la risposta, le risposte obiettive sono state 12 su 28 ( 43% ) ( tumore al polmone non-a-piccole cellule ), 3 su 31 ( 10% ) ( melanoma ), e 14 su 35 ( 40% ), ( carcinoma a cellule renali ).

In questa popolazione di pazienti, Pegilodecakina con anticorpi monoclonali anti-PD-1 presentava un profilo di tossicità gestibile e un'attività antitumorale preliminare.
La Pegilodecakina con Pembrolizumab o Nivolumab potrebbe offrire una nuova opportunità terapeutica per i pazienti precedentemente trattati con carcinoma a cellule renali e carcinoma a piccole cellule. ( Xagena2019 )

Naing A et al, Lancet Oncology 2019; 20: 1544-1555

Onco2019 Farma2019


Indietro