Roche Oncologia
Novartis
Cortinovis SCLC 2021
Tumore prostata

Pembrolizumab come monoterapia di prima linea per carcinoma squamocellulare cutaneo non-resecabile


Sono state valutate l'efficacia e la sicurezza di prima linea di Pembrolizumab ( Keytruda ) in monoterapia in pazienti con carcinoma cutaneo a cellule squamose ( CSCC ) non-resecabile.

I pazienti, prevalentemente uomini, con lo stato PD-L1 del loro tumore CSSC determinato immunoistochimicamente ( soglia del punteggio della proporzione tumorale [ TPS ], 1% ), hanno ricevuto Pembrolizumab 200 mg ogni 3 settimane.

L'endpoint primario era il tasso di risposta obiettiva della coorte primaria di 39 pazienti alla settimana 15 ( ORR W15 ).
Gli obiettivi secondari erano il miglior tasso ORR, la sopravvivenza globale ( OS ), la sopravvivenza libera da progressione ( PFS ), la durata della risposta ( DOR ), la sicurezza, il tasso ORR in base allo stato di PD-L1 e la qualità di vita correlata alla salute utilizzando il punteggio FACT-G ( Functional Assessment of Cancer Therapy-General ).

Una coorte di espansione di 18 pazienti, reclutata per potenziare lo studio per valutare la differenza del tasso ORR W15 tra i pazienti PD-L1+ e PD-L1-, è stata valutata per il tasso ORR, la percentuale di controllo della malattia e la sicurezza, ma non la sopravvivenza.

L'età media di tutti i pazienti era di 79 anni.

Il tasso ORR W15 della coorte primaria è stato pari al 41%, comprese 13 risposte parziali e 3 risposte complete.
Le risposte migliori sono state 8 risposte parziali e 8 risposte complete.

A un follow-up mediano di 22.4 mesi, le rispettive sopravvivenze PFS mediane, la durata della risposta e la sopravvivenza globale sono state rispettivamente di 6.7 mesi, non-raggiunta e di 25.3 mesi.

Gli eventi avversi correlati a Pembrolizumab hanno interessato il 71% dei pazienti e 4 ( 7% ) erano di grado 3 o superiore.

Un decesso è stato correlato alla rapida progressione del tumore squamocellulare cutaneo; un altro è stato il risultato di un secondo carcinoma a cellule squamose della testa e del collo aggressivo fatale diagnosticato 15 settimane dopo l'inclusione.

Il tasso ORR W15 per l'intera popolazione è stata del 42%; è risultato significativamente più alto per i pazienti PD-L1+ ( 55% ) rispetto ai pazienti PD-L1- ( 17%; P=0.02 ).
Il punteggio FACT-G totale W15 dei responder è risultato migliorato ( P=0.025 ) rispetto ai non-responder.

La monoterapia di prima linea con Pembrolizumab ha mostrato una promettente attività nei confronti del carcinoma cutaneo a cellule squamose, con risposte durevoli e sicurezza gestibile.
La positività a PD-L1 sembra essere predittiva dell'efficacia di Pembrolizumab. ( Xagena2020 )

Maubec E et al, J Clin Oncol 2020 38: 3051-3061

Dermo2020 Onco2020 Farma2020


Indietro