BMS
Lung Unit
Roche Oncologia
Novartis

Pembrolizumab per la gestione dei pazienti con tumore NSCLC e metastasi cerebrali: risultati a lungo termine e analisi dei biomarcatori


È stato condotto uno studio di fase 2 su Pembrolizumab ( Keytruda ) nei pazienti con tumore polmonare non-a-piccole cellule ( NSCLC ) o melanoma con metastasi cerebrali non-trattate per determinare l'attività del blocco PD-1 nel sistema nervoso centrale.

I risultati provvisori erano stati precedentemente pubblicati ed è stata ora riportata un'analisi aggiornata dell'intera coorte del tumore NSCLC.

Lo studio di fase 2 in aperto è stato condotto su pazienti dello Yale Cancer Center ( CT, USA ).
I pazienti eleggibili avevano almeno 18 anni di età, soffrivano di carcinoma al polmone non-a-piccole cellule in stadio IV con almeno una metastasi cerebrale di dimensioni 5-20 mm, non-trattati in precedenza o progrediti dopo la precedente radioterapia, nessun sintomo neurologico o necessità di corticosteroidi, ed ECOG performance status inferiore a 2.

I criteri RECIST di valutazione della risposta nei tumori solidi modificati sono stati utilizzati per valutare la malattia del sistema nervoso centrale ( SNC ); la malattia sistemica non era richiesta per la partecipazione.
I pazienti sono stati trattati con Pembrolizumab 10 mg/kg per via endovenosa ogni 2 settimane.

I pazienti sono stati suddivisi in due coorti: la coorte 1 per i pazienti con espressione di PD-L1 di almeno l'1% e la coorte 2 per i pazienti con PD-L1 inferiore all'1% o non-valutabile.

L'endpoint primario era la percentuale di pazienti con una risposta di metastasi cerebrale ( risposta parziale o risposta completa, secondo mRECIST ).
Tutti i pazienti trattati sono stati analizzati per endpoint di risposta e sicurezza.

Tra il 2014 e il 2018 sono stati trattati 42 pazienti.

Il follow-up mediano è stato di 8.3 mesi. 11 su 37 pazienti ( 29.7% ) nella coorte 1 hanno avuto una risposta di metastasi cerebrale.
Non ci sono state risposte nella coorte 2.

Gli eventi avversi di grado 3-4 legati al trattamento hanno incluso due pazienti con polmonite e uno ciascuno con sintomi costituzionali, colite, insufficienza surrenalica, iperglicemia e ipopotassiemia.
Eventi avversi gravi correlati al trattamento si sono verificati in 6 pazienti su 42 ( 14% ) e sono stati: polmonite ( n=2 ), danno renale acuto, colite, ipopotassiemia e insufficienza surrenalica ( n=1 ciascuno ).
Non ci sono stati decessi correlati al trattamento.

Pembrolizumab ha attività nelle metastasi cerebrali da tumore al polmone non-a-piccole cellule con espressione di PD-L1 almeno dell'1% ed è sicuro nei pazienti selezionati con metastasi cerebrali non trattate.
Sono giustificate ulteriori indagini sull'immunoterapia nei pazienti con malattia del sistema nervoso centrale da tumore NSCLC. ( Xagena2020 )

Goldberg SB et al, Lancet Oncology 2020; 21: 655-663

Pneumo2020 Onco2020 Farma2020


Indietro