Oncologia Morabito
Novartis
OncoHub
Roche Oncologia

Pembrolizumab più chemioterapia superiore alla sola chemioterapia nel carcinoma esofageo avanzato


I risultati dello studio di fase 3 KEYNOTE-590 hanno dimostrato che l'aggiunta di Pembrolizumab ( Keytruda ) alla chemioterapia ha migliorato la sopravvivenza globale ( OS ), la sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) e i tassi di risposta oggettiva ( ORR ) tra i pazienti con adenocarcinoma esofageo ed adenocarcinoma della giunzione gastroesofagea avanzato non-trattato.
La combinazione ha presentato anche un profilo di sicurezza accettabile, e rappresenta un nuovo standard di cura per questa popolazione di pazienti.

Due precedenti studi KEYNOTE avevano mostrato che la monoterapia con l'anticorpo anti-PD-1 Pembrolizumab era in grado di indurre una attività antitumorale nel tumore esofageo avanzato o metastatico.

Lo studio internazionale in doppio cieco KEYNOTE-590 ha analizzato Pembrolizumab più chemioterapia rispetto alla sola chemioterapia tra 749 pazienti ( 83% uomini ) con adenocarcinoma localmente avanzato / non-resecabile o metastatico o carcinoma esofageo a cellule squamose ( ESCC, 73% ) o adenocarcinoma della giunzione gastro-esofagea di tipo I secondo Siewert.

I pazienti sono stati assegnati in modo casuale a Pembrolizumab alla dose di 200 mg ogni 3 settimane per un massimo di 2 anni ( n = 373 ) oppure a placebo ( n = 376 ) con 80 mg/m2 di Cisplatino ogni 3 settimane più 800 mg/m2 di 5-Fluorouracile ( 5-FU ) nei giorni da 1 a 5 ogni 3 settimane.

La randomizzazione è stata stratificata per l'Asia rispetto al Resto del mondo, adenocarcinoma contro carcinoma esofageo a cellule squamose, e performance status ECOG di 0 versus 1.

I pazienti hanno continuato il trattamento per 2 anni o fino a progressione, tossicità inaccettabile o ritiro dallo studio.
Il crossover non era consentito.

La sopravvivenza globale tra i pazienti con carcinoma esofageo a cellule squamose e un punteggio positivo combinato ( CPS ) PD-L1 di 10 o superiore, così come la sopravvivenza globale e la sopravvivenza libera da progressione tra i pazienti con carcinoma esofageo a cellule squamose, un punteggio CPS PD-L1 di 10 o superiore; tutti i pazienti, sono serviti come endpoint primari in questo studio.
L'endpoint secondario era rappresentato dal tasso di risposta globale.

Il follow-up mediano è stato di 10.8 mesi.

Il regime a base di Pembrolizumab ha dimostrato una sopravvivenza globale mediana superiore rispetto al regime placebo tra i pazienti con carcinoma esofageo a cellule squamose e un punteggio CPS PD-L1 di 10 o superiore ( 13.9 versus 8.8 mesi; HR = 0.57; IC 95%, 0.43-0.75 ), in quelli con carcinoma esofageo a cellule squamose ( 12.6 mesi versus 9.8 mesi; HR = 0.72; IC 95%, 0.6-0.88 ), in quelli con punteggio CPS PD-L1 di 10 o maggiore ( 13.5 versus 9.4 mesi; HR = 0.62; IC 95%, 0.49-0.78 ) e in tutti i pazienti ( 12.4 versus 9.8 mesi; HR = 0.73; IC 95%, 0.62-0.86 ).

Il regime con Pembrolizumab ha anche dimostrato una sopravvivenza libera da progressione mediana superiore tra i pazienti con carcinoma esofageo a cellule squamose ( 6.3 versus 5.8 mesi; HR = 0.65; IC 95%, 0.54-0.78 ), un punteggio CPS PD-L1 di 10 o maggiore ( 7.5 versus 5.5 mesi; HR = 0.51; IC 95%, 0.41-0.65 ) e tutti i pazienti ( 6.3 versus 5.8 mesi; HR = 0.65; IC 95%, 0.55-0.76 ).

Il tasso di risposta globale tra tutti i pazienti è stato del 45% nel gruppo Pembrolizumab rispetto al 29.3% con il gruppo placebo ( P inferiore a 0.0001 ), con una durata mediana della risposta di 8.3 mesi versus 6 mesi.

Eventi avversi correlati al farmaco di grado da 3 a 5 si sono verificati nel 72% dei pazienti che hanno ricevuto Pembrolizumab e nel 68% di quelli che hanno ricevuto placebo, con il 19% contro il 12% dei pazienti che ha interrotto il trattamento a causa di tali eventi.

Pembrolizumab in combinazione con la chemioterapia dovrebbe essere un nuovo standard di cura come terapia di prima linea nei pazienti con carcinoma esofageo localmente avanzato non-resecabile o metastatico, compreso il carcinoma della giunzione gastroesofagea, indipendentemente dall'istologia e dallo stato dei biomarcatori. ( Xagena2020 )

Fonte: European Society for Medical Oncology ( ESMO ) Virtual Congress, 2020

Gastro2020 Onco2020 Farma2020


Indietro