Roche Oncologia
Novartis
Cortinovis SCLC 2021
BMS

Pembrolizumab versus Ipilimumab per il melanoma avanzato: risultati finali di sopravvivenza globale dello studio KEYNOTE-006


Le analisi intermedie dello studio di fase 3 KEYNOTE-006 hanno mostrato una migliore sopravvivenza generale e libera da progressione con Pembrolizumab ( Keytruda ) rispetto a Ipilimumab ( Yervoy ) nei pazienti con melanoma avanzato.
E' stata presentata l'analisi finale di sopravvivenza specificata dal protocollo.

Nello studio multicentrico, in aperto, randomizzato, di fase 3, sono stati reclutati pazienti provenienti da 87 Centri oncologici in 16 Paesi ( Australia, Austria, Belgio, Canada, Cile, Colombia, Francia, Germania, Israele, Paesi Bassi, Nuova Zelanda, Norvegia, Spagna, Svezia, Regno Unito e Stati Uniti ).
I partecipanti sono stati assegnati casualmente a uno dei due regimi di dosaggio di Pembrolizumab, o a un regime di Ipilimumab.

I pazienti eleggibili avevano almeno 18 anni di età, con performance status ECOG pari a 0 o 1, almeno una lesione misurabile secondo i criteri RECIST versione 1.1, melanoma non-resecabile in stadio III o IV ( escluso il melanoma oculare ), e fino a una precedente terapia sistemica ( esclusi gli agenti anti-CTLA-4, anti-PD-1 o anti-PD-L1 ).
I pazienti sono stati esclusi se avevano metastasi cerebrali attive o malattia autoimmune attiva che richiedeva steroidi sistemici.

L'esito primario era la sopravvivenza globale ( definita come il tempo dalla randomizzazione alla morte per qualsiasi causa ).

La risposta è stata valutata secondo RECIST v1.1 mediante revisione centrale indipendente alla settimana 12, quindi ogni 6 settimane fino alla settimana 48 e successivamente ogni 12 settimane
La sopravvivenza è stata valutata ogni 12 settimane, e l'analisi finale è stata effettuata dopo aver seguito tutti i pazienti per almeno 21 mesi.

L'analisi primaria è stata condotta sulla popolazione intention-to-treat ( tutti i pazienti assegnati in modo casuale ) e le analisi di sicurezza sono state eseguite nella popolazione trattata ( tutti i pazienti assegnati casualmente che hanno ricevuto almeno una dose di trattamento in studio ).

Tra il 2013 e il 2014, 834 pazienti con melanoma avanzato sono stati arruolati e assegnati in modo casuale a ricevere Pembrolizumab per via endovenosa ogni 2 settimane ( n=279 ), Pembrolizumab per via endovenosa ogni 3 settimane ( n=277 ) o Ipilimumab per via endovenosa ogni 3 settimane ( Ipilimumab per quattro dosi; n=278 ).

Un paziente nel gruppo Pembrolizumab ogni 2 settimane e 22 pazienti nel gruppo Ipilimumab hanno ritirato il consenso e non hanno ricevuto alcun trattamento.
In totale 811 pazienti hanno ricevuto almeno una dose di trattamento in studio.

Il follow-up mediano è stato di 22.9 mesi; 383 pazienti sono deceduti.

La sopravvivenza globale mediana non è stata raggiunta in entrambi i gruppi Pembrolizumab ed è stata 16.0 mesi con Ipilimumab ( hazard ratio, HR=0.68 per Pembrolizumab ogni 2 settimane vs Ipilimumab; P=0.0009 e HR=0.68 per Pembrolizumab ogni 3 settimane vs Ipilimumab; P=0.0008 ).

Il tasso di sopravvivenza globale a 24 mesi è stato del 55% nel gruppo ogni 2 settimane, 55% nel gruppo ogni 3 settimane e 43% nel gruppo Ipilimumab.

Da questi dati è emerso che i pazienti trattati con Pembrolizumab hanno continuato a presentare una sopravvivenza globale superiore rispetto a Ipilimumab, senza differenze tra le schedule di dosaggio di Pembrolizumab.
Queste conclusioni supportano ulteriormente l'uso di Pembrolizumab come standard di cura per il melanoma avanzato. ( Xagena2017 )

Schachter J et al, Lancet 2017; 390: 1853-1862

Onco2017 Dermo2017 Farma2017


Indietro