Cortinovis SCLC 2021
Roche Oncologia
Oncologia Morabito
Tumore prostata

Pertuzumab più Trastuzumab e chemioterapia per cancro gastrico o della giunzione gastroesofagea metastatico HER2-positivo: studio JACOB


L'aggiunta di Pertuzumab ( Perjeta ) a Trastuzumab ( Herceptin ) e chemioterapia migliora la sopravvivenza nel tumore mammario in fase iniziale HER2-positivo e nel tumore mammario metastatico.

Sono state valutate l'efficacia e la sicurezza di Pertuzumab rispetto a placebo in combinazione con Trastuzumab e chemioterapia nel carcinoma gastrico o nel carcinoma della giunzione gastroesofagea metastatico HER2-positivo.

JACOB è uno studio clinico in doppio cieco, controllato con placebo, randomizzato, multicentrico, di fase III, in pazienti di età pari o superiore a 18 anni con tumore gastrico o tumore della giunzione gastroesofagea metastatico HER2-positivo.

I pazienti eleggibili avevano una malattia misurabile o non-misurabile ma valutabile al basale, ECOG performance status di 0 o 1, e frazione di eiezione ventricolare sinistra al basale del 55% o superiore.

I pazienti di 197 cliniche oncologiche in 30 Paesi sono stati assegnati in modo casuale a ricevere Pertuzumab ( 840 mg per via endovenosa ) oppure placebo ogni 3 settimane, con Trastuzumab ( 8 mg/kg di dose di carico, quindi 6 mg/kg ogni 3 settimane per via endovenosa ), più la chemioterapia ( Cisplatino 80 mg/m2 ogni 3 settimane per via endovenosa, Capecitabina orale 1.000 mg/m2 due volte al giorno, 2.000 mg/m2 ogni 24 ore, per 28 dosi ogni 3 settimane, o 5-Fluorouracile 800 mg/m2 ogni 24 ore per via endovenosa, infusione continua di 120 ore, ogni 3 settimane ).

La randomizzazione è stata stratificata per regione geografica, precedente gastrectomia e positività a HER2.

L'endpoint primario era la sopravvivenza globale nella popolazione intention-to-treat.

Tra il 2013 e il 2016, su 3.287 pazienti valutati, 780 pazienti eleggibili sono stati assegnati in modo casuale a ricevere Pertuzumab più Trastuzumab e chemioterapia ( gruppo Pertuzumab, n=388 ) o placebo più Trastuzumab e chemioterapia ( gruppo di controllo, n=392 ).

La durata mediana del follow-up è stata di 24.4 mesi nel gruppo Pertuzumab e 25.0 mesi nel gruppo di controllo.

Dopo 242 decessi nel gruppo Pertuzumab e 262 decessi nel gruppo di controllo ( lo studio non è stato interrotto a questo punto ), la sopravvivenza globale non è risultata significativamente diversa tra i gruppi di trattamento ( sopravvivenza globale mediana 17.5 mesi nel gruppo Pertuzumab e 14.2 mesi nel gruppo di controllo: hazard ratio, HR=0.84; P=0.057 ).

Eventi avversi gravi si sono verificati in 175 pazienti su 385 ( 45% ) nel gruppo Pertuzumab e in 152 su 388 pazienti ( 39% ) nel gruppo di controllo.
La diarrea è stato l'evento avverso grave più comune in entrambi i gruppi ( 17 pazienti, 4%, nel gruppo Pertuzumab versus 20 pazienti, 5%, nel gruppo di controllo ).

Gli eventi avversi più comuni di grado 3-5 sono stati neutropenia ( 116 pazienti, 30%, nel gruppo Pertuzumab vs 108 pazienti, 28%, nel gruppo di controllo ), anemia ( 56, 15%, vs 65, 17% ), e diarrea ( 51, 13%, vs 25, 6% ).

Decessi correlati al trattamento si sono verificati in 7 pazienti ( 2% ) nel gruppo di controllo; nessun decesso correlato al trattamento si è verificato nel gruppo Pertuzumab.

L'aggiunta di Pertuzumab a Trastuzumab e chemioterapia non ha migliorato significativamente la sopravvivenza globale nei pazienti con tumore gastrico o tumore della giunzione gastroesofagea metastatico HER2-positivo rispetto al placebo.
Sono necessari ulteriori studi per identificare le migliori opzioni di trattamento di prima linea in questi tipi di cancro e per identificare i pazienti con tumori HER2 che potrebbero trarre beneficio da una doppia terapia mirata a HER2. ( Xagena2018 )

Tabernero J et al, Lancet Oncol 2018; 19: 1372-1384

Onco2018 Gastro2018 Farma2018


Indietro