Roche Oncologia
Novartis
Oncologia Morabito
OncoHub

Qualità di vita correlata alla salute con Ipilimumab adiuvante versus placebo dopo resezione completa di melanoma in stadio III ad alto rischio


Lo studio EORTC 18071 di fase 3 ha confrontato Ipilimumab ( Yervoy ) adiuvante con placebo nei pazienti con melanoma in stadio III.
La sopravvivenza libera da recidiva, l'endpoint primario, era significativamente più lunga nel gruppo Ipilimumab rispetto al gruppo placebo.
Gli effetti tossici di Ipilimumab consistevano principalmente in eventi avversi immuno-correlati cutanei, gastrointestinali, endocrini ed epatici.

Il trattamento adiuvante con Ipilimumab in questo contesto è stato approvato nel 2014 da parte della FDA ( Food and Drug Administration ) sulla base dei risultati primari dello studio.

Sono stati riportati i risultati dell’endpoint secondario e della qualità di vita connessa alla salute ( HRQoL ).

Lo studio EORTC 18071 è uno studio multinazionale, in doppio cieco, randomizzato, di fase 3, effettuato in pazienti con melanoma cutaneo in stadio III ( escluse metastasi linfonodali di 1 mm o meno o metastasi in transito ) in 19 Paesi in tutto il mondo.
I partecipanti sono stati assegnati in modo casuale a ricevere Ipilimumab 10 mg/kg o placebo ogni 3 settimane per 4 dosi, poi ogni 3 mesi per un massimo di 3 anni.

HRQoL è stata valutata con lo strumento di qualità di vita EORTC QLQ-C30 al basale, alle settimane 4, 7, 10 e 24, e successivamente ogni 12 settimane fino a 2 anni, a prescindere dalla progressione della malattia.
Sono stati calcolati due punteggi per ogni scala HRQoL: il punteggio medio riportato durante l'induzione ( Ipilimumab o placebo alla dose di 10 mg/kg, somministrata come singola dose all'inizio dei giorni 1, 22, 43 e 64, cioè, quattro dosi in 3 settimane ), e il punteggio medio riportato dopo l'induzione.

Una soglia predefinita di differenza di 10 punti tra bracci di trattamento è stata considerata clinicamente rilevante.

L'endpoint primario di HRQoL era la scala globale di salute, con l'ipotesi predefinita di differenze clinicamente rilevanti dopo l'induzione tra i gruppi.

Tra il 2008 e il 2011, 951 pazienti sono stati assegnati in modo casuale al trattamento: 475 nel gruppo Ipilimumab e 476 nel gruppo placebo.

La compliance nella compilazione del questionario HRQoL è stata di 893 su 951 pazienti ( 94% ) al basale, 693 su 924 ( 75% ) alla settimana 24, e 354 su 697 ( 51% ) alla settimana 108.

I punteggi globali di salute medi durante ( 77.32 vs 72.96; P=0.00011 ) e dopo l’induzione ( 76.48 vs 72.32; P=0.00067 ) sono stati statisticamente significativamente differenti tra i due gruppi, ma non clinicamente rilevanti.

I punteggi medi di salute globale differivano tra i gruppi per lo più alla settimana 7 ( 77 nel gruppo placebo vs 72 nel gruppo Ipilimumab ) e alla settimana 10 ( 77 vs 70 ).

I punteggi medi HRQoL differivano di più di 10 punti alla settimana 10 tra i gruppi di trattamento per diarrea ( 7.67 per il placebo vs 18.17 per Ipilimumab ) e insonnia ( 15.17 vs 25.60 ).

Nonostante l’aumentata tossicità, che ha portato alla sospensione del trattamento per la maggior parte dei pazienti durante la fase di induzione con somministrazione di Ipilimumab, HRQoL generale, misurata mediante EORTC QLQ-C30, è risultata simile tra i gruppi, dato che non sono state osservate differenze clinicamente rilevanti ( 10 punti o più ) nei punteggi globali di salute durante o dopo l'induzione.

Deterioramento clinicamente rilevante per alcuni sintomi è stato osservato alla settimana 10, ma dopo l’induzione, non sono rimaste differenze clinicamente rilevanti.

Assieme all’analisi primaria, i risultati hanno dimostrato che il trattamento con Ipilimumab porta a una più lunga sopravvivenza libera da recidiva rispetto al trattamento con il placebo, con poco danno per HRQoL, nonostante la segnalazione di eventi avversi di grado 3-4. ( Xagena2017 )

Coens C et al, Lancet Oncology 2017; 18: 393-403

Onco2017 Dermo2017 Farma2017


Indietro