Lung Unit
BMS
Roche Oncologia
Novartis

Qualità di vita correlata alla salute e funzionamento neurocognitivo con la combinazione Lomustina e Temozolomide versus Temozolomide nei pazienti con glioblastoma MGMT-metilato di nuova diagnosi: studio CeTeG/NOA-09


Lo studio CeTeG/NOA-09 ha mostrato una sopravvivenza globale significativamente più lunga con la terapia combinata Lomustina e Temozolomide rispetto alla Temozolomide [ Temodal ] standard per pazienti con glioblastoma con promotore di MGMT metilato.
Lo studio aveva anche lo scopo di valutare l'effetto della terapia a base di Lomustina e Temozolomide sulla qualità di vita correlata alla salute ( HRQOL ) e sulla funzione neurocognitiva.

In questo studio randomizzato, multicentrico, in aperto, di fase 3, pazienti di nuova diagnosi, naive alla chemioradioterapia con glioblastoma MGMT-metilato, di età compresa tra 18 e 70 anni, con un punteggio di performance Karnofsky del 70% o superiore, sono stati reclutati e arruolati in 17 ospedali universitari in Germania.
I pazienti hanno ricevuto radioterapia standard ( 60 Gy ) e sono stati assegnati in modo casuale a 6 cicli di 6 settimane di Lomustina combinata orale ( 100 mg/m2 il giorno 1 ) più Temozolomide ( 100-200 mg/m2 nei giorni 2-6 ) oppure a Temozolomide orale standard ( 75 mg/m2 ogni giorno durante la radioterapia più 6 cicli di 4 settimane di Temozolomide, 150-200 mg/m2 nei giorni 1–5, ogni 4 settimane ).

L'endpoint primario era la sopravvivenza globale.
Erano endpoint secondari analizzati nella popolazione intention to treat modificata ( mITT; tutti i pazienti assegnati in modo casuale che hanno ricevuto almeno una dose di chemioterapia di studio ) la qualità di vita correlata allo stato di salute ( valutata utilizzando il questionario di qualità della vita EORTC e il modulo per il cancro cerebrale EORTC [ BN20 ] ), la funzione neurocognitiva ( valutata utilizzando il Mini Mental State Examination [ MMSE ], oltre a una batteria di test neurocognitivi [ NOA-07 ], inclusi i test Trail Making A e B [ TMT-A e B ], i test della memoria di lavoro e i test lessicali [ Controlled Oral Word Association COWA ] ) e di fluidità verbale semantica.

Sono state studiate le differenze tra i gruppi di trattamento riguardanti la qualità di vita HRQOL ( 10 punti o più clinicamente rilevanti ) e i punteggi MMSE ( 3 punti o più clinicamente rilevanti ).

Tra il 2011 e il 2014, 141 pazienti sono stati assegnati in modo casuale e 129 pazienti hanno iniziato il trattamento e sono stati inclusi nella popolazione mITT ( 63 nel gruppo Temozolomide e 66 nel gruppo Lomustina - Temozolomide ).
Il follow-up mediano per HRQOL ( voce di salute globale ) è stato pari a 19.4 mesi, per il test MMSE è stato di 15.3 mesi e per COWA di 11.0 mesi.

Non è stata riscontrata alcuna compromissione significativa di qualsiasi elemento di qualità di vita HRQOL nel gruppo Lomustina - Temozolomide ( differenza tra i gruppi per la salute globale 0.30; P=0.26 ).

Le differenze di MMSE erano a favore del gruppo Temozolomide ( differenza -0.11; P=0.0058 ) ma non erano clinicamente rilevanti ( 1.76/30 punti in 4 anni ).

L'assenza di cambiamenti sistematici e clinicamente rilevanti della qualità di vita HRQOL e della funzione neurocognitiva combinata con il beneficio di sopravvivenza della combinazione Lomustina - Temozolomide rispetto al solo Temozolomide suggerisce che esiste un beneficio clinico netto a lungo termine per i pazienti con glioblastoma di nuova diagnosi con metilazione del promotore di MGMT e supporta l’uso di Lomustina-Temozolomide come opzione terapeutica per questi pazienti. ( Xagena2019 )

Weller J et al, Lancet Oncology 2019; 20: 1444-1453

Onco2019 Neuro2019 Farma2019


Indietro