Lung Unit
Tumore Uroteliale
Tumore Vescica
Tumori GenitoUrinari

Ramucirumab associato alla chemioterapia migliora la sopravvivenza nei pazienti con tumore del polmone non-a-piccole cellule in fase avanzata


Lo studio di fase III REVEL ha mostrato che Ramucirumab ( Cyramza ) come seconda linea, aggiunto alla chemioterapia con Docetaxel ( Taxotere ), ha migliorato in modo sensibile il tasso di risposta, la sopravvivenza libera da progressione e la sopravvivenza globale nei pazienti con carcinoma polmonare non-a-piccole cellule.

Ramucirumab è un anticorpo monoclonale che ha come target il recettore VEGF 2.

L'analisi ha incluso 1.253 pazienti con tumore al polmone non-a-piccole cellule di stadio IV, squamoso ( 26.2% ) o non-squamoso ( 78.3% ), che era progredito dopo una terapia a base di Platino.

I 628 pazienti sono stati assegnati in modo casuale a 75 mg/m2 di Docetaxel oltre a 10 mg/kg di Ramucirumab al giorno 1 del ciclo di 21 giorni fino a progressione della malattia, tossicità inaccettabile o morte.
Gli altri 625 pazienti hanno ricevuto Docetaxel più placebo.

Nel complesso, è stata riportata una percentuale di risposta obiettiva significativamente più alta nel braccio Ramucirumab ( 22.9% vs 13.6%, P inferiore a 0.001 ).

I pazienti trattati con Ramucirumab hanno mostrato una significativamente più lunga sopravvivenza mediana libera da progressione ( 4.5 vs 3 mesi, hazard ratio, HR=0.762, p inferiore a 0.0001 ) e una sopravvivenza globale ( 10.5 vs 9.1 mesi; HR=0.857 ), rispetto a quelli assegnati a placebo.

Il vantaggio di sopravvivenza associato a Ramucirumab è stato osservato tra i pazienti sia con istologia squamosa sia con quella non-squamosa.

Più pazienti nel braccio Ramucirumab hanno manifestato neutropenia di grado 3 o superiore ( 34.9% vs 28% ), neutropenia febbrile ( 15.9% contro 10% ), affaticamento ( 11.3% vs 8.1% ), leucopenia ( 8.5% vs 7.6% ) e ipertensione ( 5.4% vs 1.9% ).
La polmonite si è verificata nel 5.1% dei pazienti assegnati a Ramucirumab e nel 5.8% di quelli trattati con placebo.

Tassi di eventi avversi di grado 5 sono risultati simili ( 5.4% per Ramucirumab vs 5.8% per placebo ). Non sono state riscontrate differenze riguardo ai tassi di emorragia polmonare di qualsiasi grado tra tutta la popolazione di pazienti ( 2.1% per Ramucirumab vs 1.6% per il placebo ) e tra quelli con istologia squamosa ( 3.8% per Ramucirumab vs 2.4% per il placebo ).

La combinazione di Docetaxel e Ramucirumab è il primo trattamento di seconda linea ad aver dimostrato un vantaggio significativo di sopravvivenza rispetto alla sola chemioterapia nel carcinoma polmonare non-a-picole cellule.
Il rapporto rischio-beneficio si è dimostrato favorevole. ( Xagena2014 )

Fonte: ASCO Annual Meeting, 2014

Onco2014 Pneumo2014 Farma2014


Indietro