Novartis
Oncologia Morabito
OncoHub
Roche Oncologia

Rindopepimut con Temozolomide per pazienti con glioblastoma con espressione di EGFRvIII di nuova diagnosi


Rindopepimut ( Rintega ), un vaccino che ha come bersaglio la mutazione di delezione EGFRvIII di EGFR, consiste in un peptide specifico per EGFRvIII coniugato con emocianina di Megathura crenulata ( KLH, Keyhole Limpet Haemocyanin ).
Nello studio ACT IV, si è valutato se l'aggiunta di Rindopepimut alla chemioterapia standard sia in grado di migliorare la sopravvivenza nei pazienti con glioblastoma EGFRvIII-positivo.

In questo studio di fase 3, randomizzato, in doppio cieco, sono stati reclutati pazienti di età pari o superiore a 18 anni con il glioblastoma da 165 ospedali in 22 Paesi.
I pazienti eleggibili avevano glioblastoma di nuova diagnosi con l’espressione confermata di EGFRvIII sottoposti a resezione chirurgica massima e con completamento della chemioradioterapia standard senza progressione.

I pazienti sono stati stratificati secondo classe di analisi di partizionamento ricorsivo EORTC, metilazione del promotore di MGMT, e regione geografica e assegnati casualmente a ricevere Rindopepimut ( 500 mcg mescolati con 150 mcg GM-CSF ) o controllo ( 100 mcg emocianina KLH ) mediante iniezione intradermica mensile fino a progressione o intolleranza, in concomitanza con Temozolomide orale standard ( 150-200 mg/m2 per 5 su 28 giorni ) per 6-12 cicli o più.

L'endpoint primario era la sopravvivenza globale in pazienti con malattia minima residua ( MRD; enhancing tumorale inferiore a 2 cm2 post-chemioradiazione ).

Tra il 2012 e il 2014, sono stati arruolati 745 pazienti ( 405 con malattia minima residua, 338 con malattia residua significativa [ SRD ] e 2 non valutabili ) e assegnati in modo casuale a Rindopepimut e Temozolomide ( n=371 ) o controllo e Temozolomide ( n=374 ).

Lo studio è stato interrotto per futilità dopo un'analisi preliminare pianificata.

All'analisi finale, non è stata rilevata alcuna differenza significativa nella sopravvivenza globale per i pazienti con malattia minima residua: la sopravvivenza globale mediana è stata di 20.1 mesi nel gruppo Rindopepimut contro 20.0 mesi nel gruppo di controllo ( HR=1.01, P=0.93 ).

Gli eventi avversi di grado 3-4 più comuni per tutti i 369 pazienti trattati nel gruppo Rindopepimut rispetto ai 372 pazienti trattati nel gruppo controllo sono stati: trombocitopenia ( 32, 9%, vs 23, 6% ), affaticamento ( 6, 2%, vs19, 5% ), edema cerebrale ( 8, 2%, vs 11, 3% ), convulsioni ( 9, 2%, vs 8, 2% ) e cefalea ( 6, 2%, vs 10, 3% ).

Eventi avversi gravi hanno incluso convulsioni ( 18, 5%, vs 22, 6% ) ed edema cerebrale ( 7, 2%, vs 12, 3% ).

6 decessi nello studio sono stati causati da eventi avversi ( 9, 4%, nel gruppo Rindopepimut e 7, 3%, nel gruppo di controllo ), di cui uno, embolia polmonare in un paziente maschio di 64 anni dopo 11 mesi di trattamento, è stato valutato come potenzialmente correlato a Rindopepimut.

Rindopepimut non ha aumentato la sopravvivenza nei pazienti con glioblastoma di nuova diagnosi. Potrebbero essere necessari approcci di combinazione comprendenti potenzialmente Rindopepimut per dimostrare l'efficacia dell'immunoterapia nel glioblastoma. ( Xagena2017 )

Weller M et al, Lancet Oncology 2017; 18: 1373-1385

Onco2017 Neuro2017 Farma2017


Indietro