Novartis
Roche Oncologia
Oncologia Morabito
OncoHub

Risposte durevoli con Enfortumab Vedotin nei pazienti con carcinoma uroteliale localmente avanzato o metastatico sottoposti in precedenza a immunoterapia ma non a chemioterapia contenente Platino, e non-idonei al Cisplatino


I risultati di una seconda coorte di pazienti dello studio di fase 2, EV-201, ha evidenziato che il coniugato anticorpo-farmaco ( ADC ) Enfortumab vedotin ( Enfortumab vedotin-ejfv, Padcev ) ha indotto risposte durevoli come trattamento di pazienti con carcinoma uroteliale localmente avanzato o metastatico che avevano in precedenza ricevuto immunoterapia ma non chemioterapia contenente Platino e non sono idonei al Cisplatino.

Il cancro uroteliale in fase avanzata nei pazienti che hanno ricevuto immunoterapia e non-idonei al Cisplatino, è una malattia particolarmente difficile da trattare.
In genere, questi pazienti sono fragili, soffrono di molteplici comorbidità oltre al tumore uroteliale e non sono in grado di tollerare un trattamento aggiuntivo oltre all'immunoterapia, inducendo molti a interrompere del tutto la terapia.

Il tasso di risposta obiettiva ( ORR ) secondo la revisione centrale indipendente in cieco, che era l'endpoint primario dello studio, è stata del 52% ( IC 95%, 40.8-62.4 ) e la durata mediana della risposta è stata di 10.9 mesi con Enfortumab vedotin.

Questo è il primo studio a riportare risposte oggettive nei pazienti con carcinoma uroteliale avanzato che avevano precedentemente ricevuto immunoterapia ma non erano idonei per il Cisplatino in questo contesto a causa di una funzione renale inadeguata o di altre condizioni.

Gli eventi avversi più comunemente correlati al trattamento di grado 3 o maggiore, che si sono verificati nel 5% o più dei pazienti, includevano: neutropenia, eruzione cutanea, affaticamento, aumento della lipasi, diarrea, diminuzione dell'appetito, anemia e iperglicemia.

Enfortumab Vedotin è un ADC di prima classe diretto contro la nectina-4, una proteina presente sulla superficie delle cellule ed altamente espressa nel cancro della vescica.

Gli endpoint secondari nello studio includevano durata della risposta ( DOR ), tasso di controllo della malattia a 16 settimane, sopravvivenza libera da progressione ( PFS ), tasso di risposta obiettiva secondo la valutazione dello sperimentatore, durata della risposta secondo la valutazione dello sperimentatore, sopravvivenza senza progressione secondo valutazione dello sperimentatore, sopravvivenza globale, incidenza di eventi avversi e incidenza di anomalie di laboratorio, nonché selezionati parametri farmacocinetici.

Per essere inclusi nello studio, i pazienti dovevano avere una malattia metastatica o localmente avanzata non-resecabile, aver ricevuto un precedente trattamento con una immunoterapia in ambiente avanzato o metastatico, ed essere naïve-al-Platino o non-idonei al Cisplatino al momento dell'arruolamento.
I pazienti dovevano anche aver avuto progressione o recidiva della malattia in seguito o durante la terapia più recente, campioni di tessuto tumorale disponibili per la presentazione prima del trattamento in studio, malattia misurabile, un performance status ECOG di 2 o inferiore e un'aspettativa di vita di 3 o più anni.

I pazienti sono stati esclusi dallo studio se avevano una neuropatia sensoriale o motoria in corso da 2 o più anni; metastasi attive del sistema nervoso centrale; immunoterapia correlata a miocardite, colite, uveite o polmonite; precedente partecipazione a una sperimentazione clinica di Enfortumab vedotin; o dolore non-controllato correlato al tumore / imminente compressione del midollo spinale. ( Xagena2020 )

Fonte: Seagen & Astellas, 2020

Uro2020 Onco2020 Farma2020


Indietro