Oncologia Morabito
Roche Oncologia
Novartis
OncoHub

Risultati promettenti per la tripletta a base di Apalutamide nel carcinoma alla prostata resistente alla castrazione in fase metastatica


La combinazione di Apalutamide ( Erleada ), Abiraterone acetato ( Zytiga ) e Docetaxel ha indotto un alto tasso di declino di PSA ( antigene prostatico specifico ) e una risposta misurabile della malattia con un profilo di sicurezza gestibile tra gli uomini con tumore alla prostata resistente alla castrazione in fase metastatica.

Gli studi CHAARTED e STAMPEDE hanno dimostrato che la combinazione di inibizione del recettore degli androgeni più la chemioterapia con taxano esercita benefici clinici.

L'obiettivo degli studi era valutare se la combinazione di farmaci che hanno come bersaglio diversi punti nel percorso di segnalazione dei recettori degli androgeni fosse efficace per gli uomini con malattia resistente alla castrazione.

In precedenza erano stati prodotti dati preclinici tesi a dimostrare la sinergia dell'inibizione della via del recettore degli androgeni con Abiraterone e della stabilizzazione dei microtubuli con la chemioterapia a base di taxani.
Era stata anche dimostrata la sicurezza della combinazione di Abiraterone e Docetaxel.

E' stata ora presa in esame la sicurezza della tripletta per impostare futuri studi di efficacia.
E' stata valutata la combinazione di 1.000 mg di Abiraterone acetato al giorno, 75 mg/m2 di Docetaxel ogni 3 settimane e 5 mg di Prednisone due volte al giorno con due dosi di Apalutamide 120 mg/die o 240 mg/die in 9 uomini ( età mediana, 69 anni ) con carcinoma prostatico progressivo resistente alla castrazione in fase metastatica.
Gli uomini avevano un PSA mediano di 8.18 ( range, 0.07-278.5 ), funzione d'organo intatta e nessuna precedente esposizione ad Apalutamide o a Docetaxel entro 3 anni dall'arruolamento.

I siti più comuni di metastasi comprendevano linfonodi ( 78% ) e ossa ( 67% ), seguiti da polmoni ( 11% ) e altri siti ( 11% ).

La determinazione della tossicità dose-limitante e la dose raccomandata di fase 2 erano gli endpoint primari dello studio.

Tre uomini hanno ricevuto la dose da 120 mg di Apalutamide e 6 hanno ricevuto la dose da 240 mg. In quest'ultimo gruppo, un uomo ha sperimentato ipertensione di grado 3, una tossicità dose-limitante ritenuta possibilmente correlata al trattamento.

Tutti gli uomini hanno dimostrato un declino di PSA di almeno il 95%, e il 78% ha avuto un declino del 99% o più del PSA.

Tutti e cinque gli uomini con malattia misurabile avevano una risposta del 100% secondo i criteri RECIST. ( Xagena2019 )

Fonte: American Association for Cancer Research ( AACR ) Annual Meeting, 2019

Onco2019 Uro2019 Farma2019


Indietro