Roche Oncologia
Cortinovis SCLC 2021
Novartis
BMS

Sopravvivenza a tre anni, confermata l'efficacia di Pembrolizumab nel carcinoma polmonare non-a-piccole cellule


Dallo studio KEYNOTE-024 è emerso che la monoterapia di prima linea con Pembrolizumab ( Keytruda ) ha conferito un beneficio di sopravvivenza globale ( OS ) durevole nel lungo periodo, rispetto alla chemioterapia, nei pazienti con carcinoma polmonare non-a-piccole cellule ( NSCLC ) metastatico, che esprime PD-L1.

L'immunoterapia ha completamente cambiato la gestione del cancro ai polmoni, che sta diventando una malattia cronica con una buona qualità di vita.

Lo studio di fase 3 KEYNOTE-024 ha valutato la sicurezza e l'efficacia di Pembrolizumab rispetto alla chemioterapia a base di Platino come trattamento di prima linea per i pazienti con tumore NSCLC avanzato con un punteggio TPS ( tumor proportion score ) PD-L1 del 50% o superiore, ma in assenza di aberrazioni EGFR / ALK.

I ricercatori hanno assegnato in modo random 305 pazienti a Pembrolizumab al dosaggio di 200 mg ogni 3 settimane per un massimo di 2 anni ( n=154 ) o a 4-6 cicli di doppietta chemioterapica con Platino ( a discrezione dello sperimentatore ) più mantenimento ottimale per quelli con malattia non-squamosa ( n = 151 ).
Il disegno dello studio permetteva ai pazienti idonei nel gruppo chemioterapico che hanno manifestato progressione della malattia di passare a Pembrolizumab.

La sopravvivenza senza progressione ( PFS ) era l'endpoint primario, con la sopravvivenza globale ( OS ) come endpoint secondario chiave.

Il follow-up mediano al cut-off dei dati del 15 febbraio è stato di 44.4 mesi ( range 39.6-52.9 ).

210 pazienti sono deceduti, di cui 97 nel gruppo Pembrolizumab e 113 nel gruppo chemioterapico.

98 pazienti ( 64.9% ) sono passati dalla chemioterapia alla terapia anti-PD-1 durante o al di fuori dell'intervallo di studio.

La sopravvivenza globale mediana è stata di 26.3 mesi ( IC 95%, 18.3-40.4 ) nel gruppo Pembrolizumab, rispetto a 14.2 mesi ( IC 95%, 9.8-18.3 ) nel gruppo chemioterapico ( hazard ratio, HR = 0.65; IC 95%, 0.5-0.86 ).

Il tasso di sopravvivenza globale a 36 mesi è stato pari al 43.7% con Pembrolizumab contro il 24.9% con chemioterapia.

Sebbene la durata mediana del trattamento è stata più lunga con Pembrolizumab rispetto alla chemioterapia ( 11.1 contro 4.4 mesi ), gli eventi avversi correlati al trattamento da grado 3 a grado 5 si sono verificati meno frequentemente con Pembrolizumab ( 31.2% contro 53.3% ).

38 pazienti nel gruppo Pembrolizumab hanno terminato 2 anni ( 35 cicli ) di terapia. Tra questi pazienti ( 34 sono ancora in vita ), 31 ( 81.6% ) hanno dimostrato una risposta obiettiva ( di cui 3 con risposta completa ) e la durata mediana della risposta non è stata raggiunta ( intervallo, 4.2-46.7+ ).
5 ( 13.2% ) pazienti hanno presentato eventi avversi di grado 3-4 correlati al trattamento, nessuno dei quali è stato causa di decesso.

Al cut-off dei dati, il 71% dei pazienti con una durata della risposta di almeno 2 anni ha presentato una malattia stabile senza necessità di trattamento aggiuntivo.

Su 10 pazienti che sono progrediti dopo 2 anni di trattamento con Pembrolizumab e sottoposti a un secondo ciclo di trattamento, 7 hanno presentato una risposta obiettiva, e 8 sono vivi. ( Xagena2018 )

Fonte: International Association for the Study of Lung Cancer & World Conference on Lung Cancer, 2019

Pneumo2019 Onco2019 Farma2019


Indietro