Roche Oncologia
OncoHub
Novartis
Oncologia Morabito

Studio SOLO3: Olaparib superiore alla chemioterapia nel carcinoma ovarico pesantemente pretrattato


I risultati dello studio SOLO3 hanno mostrato che per i pazienti pesantemente pretrattati con carcinoma ovarico con mutazione BRCA, Olaparib ( Lynparza ) è più efficace della chemioterapia senza Platino.
Sia il tasso di risposta obiettiva ( ORR ) che la sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) sono risultati significativamente migliori nel gruppo Olaparib.

Lo studio SOLO3 ha interessato un gruppo sottostudiato, ma comune, di pazienti. Circa il 50% delle donne che hanno partecipato allo studio SOLO3 erano alla loro quarta linea o più di chemioterapia.

SOLO3 ha coinvolto 266 pazienti con carcinoma ovarico con mutazione BRCA, recidivato, che avevano ricevuto due o più linee di chemioterapia a base di Platino.
Tutti i pazienti erano sensibili al Platino ( progressione più di 12 mesi dopo l'ultimo trattamento a base di Platino ) o parzialmente sensibili al Platino ( progressione entro 6-12 mesi dall'ultimo trattamento a base di Platino ).

Dopo l'arruolamento, le partecipanti sono state randomizzate in un rapporto 2:1 a ricevere Olaparib ( 300 mg due volte al giorno ) o a chemioterapia a singolo agente, senza Platino, a scelta del medico ( Doxorubicina liposomiale pegilata, Paclitaxel, Gemcitabina o Topotecan ).

L'endpoint primario era il tasso di risposta obiettiva, determinato mediante una revisione centrale indipendente in cieco.
Gli endpoint secondari includevano la sopravvivenza libera da progressione e la sopravvivenza globale ( OS ).

Olaparib ha mostrato un significativo vantaggio in termini di sopravvivenza senza progressione: 13.8 mesi nel gruppo Olaparib e 3.9 mesi nel gruppo chemioterapico.

Tra i 223 pazienti con malattia misurabile, il tasso di risposta obiettiva è stato del 72.2% nel gruppo Olaparib e del 51.4% nel gruppo chemioterapico ( odds ratio, OR=2.53; P = 0.002 ).

La superiorità di Olaparib è stata mantenuta in più sottogruppi di pazienti, compresi quelli che avevano ricevuto solo due precedenti linee di terapia ( OR=3.44 ) e quelli che avevano tre o più linee precedenti ( OR=2.21 ).
Benefici simili sono stati osservati indipendentemente dall'età.

In tutti i pazienti, la sopravvivenza libera da progressione mediana è risultata significativamente migliore nel gruppo Olaparib ( 13.4 mesi ), rispetto ai 9.2 mesi nel gruppo chemioterapico ( P = 0.013 ).

I dati di sopravvivenza globale erano immaturi.

Non sono stati rilevati nuovi segnali di sicurezza. Gli eventi avversi più comuni nel gruppo Olaparib sono stati: nausea, affaticamento / astenia, anemia, vomito e diarrea.
Gli eventi avversi più comuni nel gruppo chemioterapico erano: affaticamento / astenia, eritrodisestesia palmo-plantare, nausea, neutropenia e anemia.
Il tasso di eventi avversi gravi è stato del 23.6% nel gruppo Olaparib e del 18.4% nel gruppo chemioterapico.
Tre pazienti nel gruppo Olaparib e nessuno nel gruppo chemioterapico hanno sviluppato nuove neoplasie primarie.
Ci sono stati quattro pazienti con eventi avversi ad esito fatale nel gruppo Olaparib ( sindrome mielodisplastica, scompenso cardiopolmonare, sepsi, leucemia mieloide acuta ed emorragia subaracnoidea ) e un evento avverso fatale nel gruppo chemioterapico ( trombosi venosa mesenterica ). ( Xagena2020 )

Fonte: Journal of Clinical Oncology, 2020

Onco2020 Gyne2020 Farma2020


Indietro